DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile

India


Storia

La storia dell'India risale a 5000 anni fa, quando la civiltà della Valle dell'Indo fiorì tra i 2500 ed i 1700 a.C. In seguito arrivarono le tribù Aryan dal Nord-Ovest. Fu la loro fusione con gli abitanti della zona che creò la cultura classica indiana.

Alla civiltà della Valle dell'Indo fece seguito il periodo Vedico. Il primo degli imperi Indiani, l'impero Mauryan, iniziò poco dopo, quando Chandragupta Maurya ascese al trono nel 274 a.C.. Gli imperi post-Ashoka furono seguiti dai regni dei Gupta, Pratihara, Pala, Chalukya, Chola, Pandya dynasties. In seguito, attorno al 9° secolo, subentrò il periodo Mussulmano. Gli europei arrivarono nel 17° secolo.

L'India è stata spesso oggetto di invasioni nel corso dei secoli di Arabi, Turchi ed europei, che influenzarono la cultura di base del Paese. L'invasione e l'occupazione inglese portò invece cambiamenti radicali che sfociarono nella divisione del subcontinente tra l'India (secolare) ed il più piccolo stato mussulmano del Pakistan. La libertà dagli inglesi fu ottenuta nell'agosto del 1947 dopo la lotta meno violenta mai vista nella storia dell'umanità, grazie al movimento guidato dal Mahatma Gandhi.

Mohandas Karamchand Gandhi, detto il Mahatman (la grande anima) guidò il movimento di protesta contro l'applicazione della legge e un anno più tardi cominciò ad attuare le sue campagne di disobbedienza civile. Nel 1921 fu promulgata una nuova costituzione indiana in cui veniva concessa ampia autonomia agli indiani per l'insegnamento, le opere pubbliche l'agricoltura e l'industria, ma veniva lasciato agli inglesi il controllo diretto sulla difesa, la politica estera, il sistema giudiziario e quello finanziario e in cui veniva ribadito il concetto che il governo di Delhi doveva render conto solo al parlamento britannico. Questa politica scavò un solco incolmabile tra gli inglesi e il movimento nazionale indiano. Allora Gandhi propagandò e attuò forme di lotta basate sulla non violenza, sulla disobbedienza civile, sulla non collaborazione con i colonizzatori. Riuscì a coinvolgere grandi masse, poiché fece della sua lotta quasi una religione, cosicché gli indiani videro in lui un profeta da seguire. Nel 1930 Gandhi effettuò la marcia del sale: percorse a piedi un lungo cammino, fino al mare, dove raccolse alcuni cristalli di sale. Questo semplice gesto era un reato: gli inglesi avevano il monopolio del sale in India perciò nessun indiano poteva procurarsi del sale, se non comperando quello venduto dagli inglesi. Le manifestazioni del movimento nazionalista costrinsero gli inglesi a promettere all'India la concessione dell'indipendenza, a cui effettivamente si giunse il 15 agosto del 1947.

Il 14 agosto e 15 agosto 1947, nella partizione dell'India, nacquero due stati sovrani, la Sovranità del Pakistan (più tardi Repubblica islamica del Pakistan) e l'Unione dell'India (più tardi Repubblica dell'India) dopo che il Regno Unito garantì l'indipendenza dell'India britannica

Il Quality Group