DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile
Condividi:

Emozioni Sudafricane

Durata 15 giorni, 12 notti
Natura
QUOTE A PARTIRE DA: Su richiesta
  • Il Diamante
  • Viaggio di nozze

Descrizione del tour

Un viaggio straordinariamente affascinante: Cape Town, una delle città più "trendy" al mondo, la panoramica Garden Route, il lussureggiante KwaZuluNatal e gli indimenticabili safari nell'area del Kruger sono le principali mete di questo itinerario dalle forti emozioni.

Luoghi visitati

Johannesburg, Cape Town, Penisola del Capo, Swellendam, Route 62, Oudtshoorn, Knysna, Port Elizabeth, Umhlanga, Hluhluwe-Umfolowi Park, Mbabane, Mpumalanga, Makalali Game Reserve, Hoedspruit Airport (HDS), O.R. Tambo International Airport (JNB)

Paesi visitati



Itinerario Giornaliero

1

Italia / Cape Town

Partenza dalla città prescelta con voli di linea via scalo/i internazionale/i. Pasti e pernottamento a bordo.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE


2

Cape Town - visita della città & Table Mountain (20 km)

All'arrivo disbrigo delle formalità d'ingresso. Incontro con la guida locale di lingua italiana e trasferimento privato in hotel. Il pomeriggio sarà dedicato alla visita di questa splendida città. Condizioni meteo permettendo saliamo sulla Table Mountain dalla cui sommità si gode di un paesaggio incredibile. Non mancherà una passeggiata nel colorato quartiere malese di Bo-Kaap. Al termine rientro in hotel, cena libera e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Con la sua altezza di 1.086 metri, Table Mountain, ovvero la Montagna della Tavola è il simbolo e principale attrazione di Città del Capo e dalla sua cima si gode di una straordinaria veduta non solo sulla città sottostante e la sua baia, ma a 360°C in tutta la sua ampiezza, sulla Penisola del Capo. La sua particolarità è di essere una montagna piatta, sulla quale le nubi spesso ne avvolgono la cima, come una tovaglia, coerentemente con il suo nome. Una moderna cabinovia rotante, la Cableway, collega rapidamente, ogni mezz'ora, dall'alba al tramonto, la base alla sommità in pochi minuti. La vegetazione è composta dal fynbos, vegetazione molto vasta e varia, tipica del Capo: qui si trovano oltre 1470 tipi di piante, soprattutto protee, il fiore simbolo dell'area. mentre tra gli animali si trovano porcospini, manguste e il tipico roditore irace.

Table Mountain è entrata a far parte delle Nuove sette meraviglie naturali del mondo.


3

Cape Town - La Penisola del Capo (150 km)

Prima colazione. Incontro con l'autista/guida di lingua italiana e partenza in veicolo riservato per un'intera giornata di escursione lungo la bellissima Penisola del Capo in un susseguirsi di paesaggi a dir poco suggestivi. La prima sosta è ad Hout Bay per un’escursione in barca (30 minuti circa) all’isola delle otarie appena fuori la baia. Da qui si prosegue per i bellissimi giardini botanici di Kirstenbosch situati sulle pendici della Table Mountain. Ci si dirige poi verso il Capo di Buona Speranza così chiamato perchè chi riusciva a circumnavigare questo capo aveva buone speranze di raggiungere la propria destinazione sano e salvo. A “Cape Point” si ammira il punto virtuale d’incontro di due oceani. Pranzo e nel pomeriggio visita ad una simpatica colonia di pinguini a Boulders Beach. L'ultima tappa la prevediamo ai giardini di Kirstenbosch prima di far rientro in hotel nel pomeriggio inoltrato.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Capo di Buona Speranza, battezzato anche dagli antichi navigatori come il “Capo delle Tempeste”, per via della difficoltà a superarlo, dovuto all'impatto della fredda corrente oceanica del Benguela con l’aria calda e umida proveniente dall’Oceano Indiano, fu raggiunto per la prima volta dal navigatore portoghese Bartolomeo Diaz nel 1487, ma fu Vasco da Gama, nel 1497, a portare a termine per la prima volta il tragitto verso le Indie. Oggi l'area è Parco Nazionale che protegge la fynbos, la ricca vegetazione locale, tipica della Provincia del Capo Occidentale. Dal 2004 il parco è entrato a far parte dei beni dell'umanità protetti dall'UNESCO con il nome di Area protetta della Regione Floreale del Capo. Il punto più elevato è Cape Point, che si raggiunge in funicolare, è battezzato con il nome simbolico di Flying Dutchman, il vascello fantasma che solcava i mari senza meta.

 


4

Cape Town

Prima colazione. La giornata odierna è a disposizione per attività a carattere facoltativo e/o per shopping. Consigliamo, qualora le condizioni meteo fossero favorevoli, di prevedere la risalita in cabinovia della Table Mountain, dalla cui sommità, nelle giornate più limpide, si gode di un panorama incredibilmente bello. Per chi è affascinato dalle atmosfere romantiche, consigliamo una passeggiata nel grazioso villaggio di Stellenboch, nel cuore della regione dei vigneti, dove il tempo sembra essersi fermato. Qui tra splendidi esempi di architettura "Cape Dutch", Olandese antico del Capo, è possibile degustare i rinomati vini sudafricani. Per i nostri clienti più avventurosi ricordiamo che, poco distante da Cape Town, è possibile effettuare adrenaliniche immersioni in gabbia per avvistare il grande squalo bianco. Non è richiesta alcuna preparazione specifica da sub in quanto la gabbia viene calata a pochi centimetri sotto il livello del mare permettendo così questa incredibile esperienza praticamente a tutti. Se il Vostro viaggio si svolge da Luglio ad Ottobre, si potrebbe prendere in considerazione anche un'escursione al villaggio di Hermanus, uno dei siti più indicati per l'avvistamento delle balene che qui è possibile ammirare anche da terra. Per gli amanti dei paesaggi marini e della botanica, ricordiamo che Agosto e Settembre sono i mesi della fioritura che soprattutto nell'area della West Coast, a nord di Città del Capo, regala sublimi scenari da cartolina. Ricordiamo inoltre che nel Waterfront la scelta di negozi, ristoranti, musei è pressoché illimitata.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Con la sua altezza di 1.086 metri, Table Mountain, ovvero la Montagna della Tavola è il simbolo e principale attrazione di Città del Capo e dalla sua cima si gode di una straordinaria veduta non solo sulla città sottostante e la sua baia, ma a 360°C in tutta la sua ampiezza, sulla Penisola del Capo. La sua particolarità è di essere una montagna piatta, sulla quale le nubi spesso ne avvolgono la cima, come una tovaglia, coerentemente con il suo nome. Una moderna cabinovia rotante, la Cableway, collega rapidamente, ogni mezz'ora, dall'alba al tramonto, la base alla sommità in pochi minuti. La vegetazione è composta dal fynbos, vegetazione molto vasta e varia, tipica del Capo: qui si trovano oltre 1470 tipi di piante, soprattutto protee, il fiore simbolo dell'area. mentre tra gli animali si trovano porcospini, manguste e il tipico roditore irace.

Table Mountain è entrata a far parte delle Nuove sette meraviglie naturali del mondo.


5

Cape Town / Route 62 / Oudtshoorn (420 km)

Prima colazione. Incontro con la guida/autista di lingua italiana. Iniziamo oggi a percorrere la rinomata Garden Route, un percorso che si snoda tra la Provincia del Capo Occidentale ed Orientale. L'itinerario si caratterizza per una piacevole alternanza di paesaggi: semi-aridi all'interno con svariati spettacolari passi montani, tipicamente marini quando invece si percorrono le strade che corrono parallele all'Oceano Indiano. Oggi esploriamo la regione del Little Karoo percorrendo la panoramica Route 62 sino al paesino di Oudtshoorn, la capitale sudafricana degli allevamenti di struzzi. Attraverseremo caratteristici paesi dove l'impronta coloniale olandese è ancor oggi molto marcata. Visitiamo un tipico allevamento di struzzi della zona per apprendere tante curiosità su questi singolari uccelli, incapaci oramai di volare. Pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Swellendam si trova nella Provincia del Capo Occidentale, a circa 220 chilometri a sud di Città del Capo. Fondata all'epoca della Compagnia Olandese delle Indie Orientali nel 1743, è la terza città più antica del Paese, dopo Cape Town e Stellenbosch e vanta più di 50 monumenti nazionali il più dei quali sono edifici derivanti dall'architettura tipica 'Cape Dutch'. Per un breve periodo di tempo nel 1795 la città si autoproclamò Repubblica di Swellendam e Hermanus Steyn fu il suo presidente. Nelle vicinanze ci sono alcune riserve naturali come quelle di Marloth e Sanbona e il parco nazionale di Bontebok, che prende il nome dell'antilope un tempo a rischio di estinzione per la cui protezione il parco stesso fu costituito. Qui vivono anche zebre di montagna, babbuini e anche leopardi.

Witsand, una piccola città costiera a circa 50 km da Swellendam, è uno dei migliori punti di osservazione delle balene sulla costa meridionale in Sudafrica.


6

Oudtshoorn / Knysna (185 km)

Dopo la prima colazione visitiamo le bellissime grotte Cango, ricche di stalattiti e stalagmiti. Poi si procede, attraversando il passo montano di Outeniqua, verso la bella cittadina di Knysna, una delle mete vacanziere più apprezzate lungo la Garden Route. Il pomeriggio sarà a disposizione per attività facoltative o per una passeggiata nel Waterfront. Pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

A circa 30 chilometri da Oudtshoorn, le Grotte Cango, che si trovano lungo il percorso della Garden Route, sono una delle attrazioni naturalistiche più importanti della regione. Scavate nel calcare precambriano delle pendici della catena montuosa dello Swartberg, offrono numerosi e lunghi tunnel e ampie caverne che si snodano per oltre quattro chilometri, anche se soltanto una parte è visitabile. Le grotte furono scoperte nel 1780 da un contadino di nome Jacobus Van Zyl e la grotta in cui scese la prima volta, lunga come un campo di calcio, porta il suo nome. Dopo la scoperta, le grotte divennero un popolare luogo turistico. Si dice che nel 1898 Johnny van Wassenaer, la prima guida ufficiale delle grotte, abbia camminato 29 ore prima di incontrarne la fine. Storia o leggenda?

Le formazioni di stalattiti e stalagmiti sono incredibilmente belle, alcune sale anche illuminate con effetti scenici di grande suggestione. Anche l'acustica è fenomenale.


7

Knysna / Featherbed Nature Reserve / Port Elizabeth (275 km)

Altra bella giornata lungo la Garden Route. Al mattino visitiamo la Riserva Naturale di Featherbed che raggiungeremo con un breve tragitto in barca sulla laguna. Giunti sulla cima della riserva (che si raggiunge a bordo di uno speciale trenino) si discende a piedi percorrendo alcuni sentieri sino al livello del mare, dove sono presenti anche alcuni archi di roccia. Questo percorso consente di ammirare scorci bellissimi non solo sulla laguna ma anche sulla costa oceanica e di apprendere molte curiosità sul tipico "fynbos", la vegetazione autoctona della regione e che fa parte del Regno Floreale del Capo. Molte di queste piante hanno virtù medicinali ed apprezzate dalla medicina tradizionale boscimana. Pranzo e al termine proseguiamo verso Port Elizabeth dove prevediamo arrivare in serata. Lungo il percorso, tempo permettendo, sostiamo presso il Parco di Tsitsikamma per ammirare la sua incredibile foresta e il ponte sul fiume Storm. Pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La Riserva Naturale di Featherbed, lungo la Garden Route, è una delle mete da non mancare durante il soggiorno nella cittadina di Knysna. La riserva si può raggiungere solo in barca dopo una breve navigazione sulla laguna. Grazie ad un sistema di trasporto caratteristico si raggiunge il punto più elevato da dove poter ammirare dall'alto tutto il sistema lagunare e godere di bellissimi scorci sulla costa oceanica. Si discende poi a piedi percorrendo diversi percorsi alla scoperta del "fynbos", la tipica flora endemica del posto con molte piante medicinali.


8

Port Elizabeth / Durban / Umhlanga (30 km)

Prima colazione. Parte della mattinata sarà a disposizione per relax (la guida italiana rientrerà verso Cape Town al mattino presto). Trasferimento in aeroporto con autista di lingua inglese in coincidenza del volo per Durban. All'arrivo incontro con la nuova guida/autista di lingua italiana. La prima tappa oggi sarà la bella cittadina vacanziera di Umhlanga, proprio di fronte all'Oceano. Da non mancare al mattino presto una bella passeggiata lungo mare per ammirare il sorgere del sole. Pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE


9

Umhlanga / Zululand / Hluhluwe (310 km)

Dopo la colazione ci addentriamo in questa lussureggiante Provincia sino ai pressi di Hluhluwe. Nel pomeriggio prevediamo un’escursione in barca sull’estuario di St. Lucia. Sistemazione in hotel, pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE


10

Hluhluwe / Swaziland (340 km)

Al mattino effettuiamo un safari all'interno del Parco, rinomato soprattutto per i suoi magnifici rinoceronti, in un veicolo 4x4 aperto accompagnati da un esperto ranger locale di lingua inglese. Proseguiamo poi verso il Regno dello Swaziland, un piccolo Stato indipendente caratterizzato soprattutto da maestosi paesaggi. Ci sarà la possibilità di effettuare dello shopping lungo il percorso. Sistemazione in hotel in serata, pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE


11

Swaziland / Hazyview (280 km)

Il viaggio prosegue in direzione Nord rientrando in Sudafrica nella Provincia del Mpumalanga. Il trasferimento riserverà anche oggi scenari vari e di grande suggestione.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Mpumalanga è una provincia sudafricana così battezzata in tempi recenti, precisamente nel 1995, perché prima si chiamava East Transvaal. Mpumalanga, in lingua zulu significa "il luogo dove sorge il sole", nonostante sia una delle più piccole tra le province del Sudafrica, è un vero e proprio concentrato di attrattive naturali. Il Mpumalanga ospita uno dei parchi nazionali più famosi al mondo, il Kruger, meta di milioni di turisti ogni anno che offre incredibili safari, il terzo canyon più profondo al mondo con 26 km di lunghezza e 800 metri di profondità, il Blyde River Canyon, situato nella parte settentrionale dei monti Drakensberg e il sistema di caverne più antiche del mondo, le Sudwala Caves. Grazie a una flora e fauna molto ricche, in Mpumalamga si trovano tantissime riserve naturali protette e naturalmente riserve private dove osservare gli animali durante i safari.

La provincia ha anche un ricco sottosuolo, dal quale si estraggono numerosi minerali, tre cui l'oro.


12

Panorama Route / Riserva Privata del Kruger (180 km)

Partenza di buon mattino per percorrere la rinomata Panorama Route, un percorso altamente paesaggistico che si snoda nel cuore di questa regione. Visitiamo il possente Blyde River Canyon, il terzo al mondo in ordine di grandezza, le singolari pozze naturali di Bourke’s Luck Potholes e una delle tante cascate che punteggiano la zona. Arriviamo in Riserva Privata, nell’area del Kruger, nella Makalali Game Reserve, in tempo utile per il primo safari in veicoli 4x4 aperti accompagnati da esperti ranger (di lingua inglese). Cena e pernottamento. Durante il soggiorno in Riserva, tutta l'assistenza sarà data dal personale del posto, di lingua inglese. La guida di lingua italiana termina i suoi servizi una volta giunti presso la Riserva.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La Panorama Route si snoda dalla catena montuosa del Drakensberg fino al Parco Nazionale Kruger, toccando punti panoramici formidabili, come God’s Window, la “finestra di Dio” che offre una vista incomparabile, Bourke’s Luck Potholes, delle particolari formazioni rocciose a forma di cilindro, The Rondavels, rocce simili a coni, e ancora le cascate Berlin e Lisbon, il meraviglioso Blyde River Canyon, il terzo canyon più profondo al mondo e Pinnacle Rock, un blocco di quarzite di 30 metri di altezza in una gola verde.

Tra tanta natura c'è anche una cittadina famosa, Pilgrim’s Rest, villaggio – museo dedicato ai cercatori d'oro. La Panorama Route è ideale per chi ama lo sport attivo, con possibilità di scalate, canyoning, esplorazione di caverne, rafting, bungee jumping, percorsi con fuoristrada, equitazione, motociclismo, quad e un’infinità di sentieri di trekking.


13

Riserva Privata Makalali (Kruger Area)

All’alba e al pomeriggio sono inclusi due emozionati safari alla ricerca dei famosi “Big Five”, i cinque grandi mammiferi africani (leoni, leopardi, rinoceronti, elefanti e bufali) considerati nel tardo ‘800, inizio ‘900, tra gli animali più difficili da cacciare. Durante questi safari è possibile comunque ammirare tantissime specie di animali per un’esperienza davvero affascinante.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Una giornata in una riserva privata sudafricana è il fiore all'occhiello dell'ospitalità del paese. Il ritmo del giorno è scandito dalle stagioni a seconda dell’orario del sorgere del sole e del tramonto. La sveglia è prima del sorgere del sole e dopo una rapida colazione si parte per il primo safari del mattino (circa 2-3 ore) con una sosta per uno spuntino con bevande calde. Il resto della mattinata è a disposizione per relax o per una passeggiata naturalistica accompagnati dal ranger. Intorno alle 13.00, viene servito il pranzo. Dopo la “siesta” incontro verso le 15.30/16.00 per una tazza di té o caffè accompagnata da snack dolci e salati prima di iniziare il safari pomeridiano. All’ora del tramonto, aperitivo in aperta savana prima di proseguire con le torce elettriche alla ricerca degli animali con abitudini notturne. Si rientra al lodge per la cena, spesso all’aperto, sotto le stelle, nel classico “Boma”, un’area circolare recintata dove al centro viene acceso un grande falò.


DAL
14
AL
15

Makalali / Hoedspruit / Johannesburg / Italia (80 km)

All'alba del 14° giorno effettuiamo un ultimo safari. Prima colazione e trasferimento all'aeroporto di Hoedspruit. Rientro in Italia con voli di linea via Johannesburg/scalo internazionale. Pasti e pernottamento a bordo. Arrivo a destinazione nella giornata del 15° giorno.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE


Aggiungi un po' di relax con un soggiorno mare