DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile
Condividi:

Sulle Orme di Mandela

Durata 15 giorni, 12 notti
Natura
Viaggi con Tour Leader
QUOTE A PARTIRE DA: 4490
  • Il Diamante
  • Viaggi Tour Leader
  • Viaggi del Club

Descrizione del tour

Un itinerario che celebra in tutto il suo splendore le incredibili bellezze paesaggistiche del Sudafrica, la "Nazione Arcobaleno", così chiamata affettuosamente dall'indimenticabile Nelson Mandela. Lasciatevi sedurre da atmosfere romantiche, scenari immensi ed emozionanti safari.

Luoghi visitati

Cape Town, Stellenbosch, Montagu, Oudtshoorn, Knysna, Port Elizabeth, Umhlanga, Hluhluwe-Umfolowi Park, Mbabane, Hazyview, Makalali Game Reserve, Pretoria, Johannesburg

Paesi visitati



Itinerario Giornaliero

1

Italia / Cape Town

Partenza dall'Italia con voli di linea per Cape Town via scalo/i internazionale. Pasti e pernottamento a bordo. Il nostro accompagnatore si incontra generalmente a Milano Malpensa o a Roma Fiumicino a seconda delle partenze.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Voli di linea Emirates dall'Italia via Dubai


2

Cape Town (40 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Southern Sun The Cullinan cena

All’arrivo incontro con la guida locale di lingua italiana e trasferimento in hotel. Nel pomeriggio breve tour orientativo di questa splendida città posta ai piedi della maestosa Table Mountain, dalla singolare sommità piatta e dalla cui sommità si gode di un paesaggio sublime soprattutto durante le giornate più limpide. Il suo singolare profilo è senza dubbio il simbolo indiscusso di Cape Town. Non mancherà una visita al colorato quartiere malese e al vivace Waterfront. Condizioni atmosferiche permettendo, si sale in cabinovia sulla Table Mountain (biglietto da acquistarsi in loco). Cena in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Con la sua altezza di 1.086 metri, Table Mountain, ovvero la Montagna della Tavola è il simbolo e principale attrazione di Città del Capo e dalla sua cima si gode di una straordinaria veduta non solo sulla città sottostante e la sua baia, ma a 360°C in tutta la sua ampiezza, sulla Penisola del Capo. La sua particolarità è di essere una montagna piatta, sulla quale le nubi spesso ne avvolgono la cima, come una tovaglia, coerentemente con il suo nome. Una moderna cabinovia rotante, la Cableway, collega rapidamente, ogni mezz'ora, dall'alba al tramonto, la base alla sommità in pochi minuti. La vegetazione è composta dal fynbos, vegetazione molto vasta e varia, tipica del Capo: qui si trovano oltre 1470 tipi di piante, soprattutto protee, il fiore simbolo dell'area. mentre tra gli animali si trovano porcospini, manguste e il tipico roditore irace.

Table Mountain è entrata a far parte delle Nuove sette meraviglie naturali del mondo.


3

Cape Town (155 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Southern Sun The Cullinan Pensione completa

Giornata dedicata alla scoperta della bellissima Penisola del Capo, un lembo estremo di terra che si insinua tra due oceani, l’Atlantico e l’Indiano, e che riserva probabilmente i più bei paesaggi del Sudafrica. Prevediamo un’escursione in barca (30 minuti e condizioni meteo permettendo) ad Hout Bay per ammirare una nutrita colonia di otarie. Si prosegue poi verso la Riserva Naturale del Capo di Buona Speranza in un alternarsi di grandiosi scenari sino alla sommità di “Cape Point”, il luogo che per molti secoli ha rappresentato il punto più meridionale dell’Africa. La visita continua con “Boulder’s Beach” (così chiamata per gli enormi massi granitici), tra villette sul mare e splendide spiagge, per ammirare da pochi passi una simpatica colonia di pinguini. Rientro in hotel, via Muizenberg, non prima di un’interessante sosta ai Giardini Botanici di Kirstenbosch.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Capo di Buona Speranza, battezzato anche dagli antichi navigatori come il “Capo delle Tempeste”, per via della difficoltà a superarlo, dovuto all'impatto della fredda corrente oceanica del Benguela con l’aria calda e umida proveniente dall’Oceano Indiano, fu raggiunto per la prima volta dal navigatore portoghese Bartolomeo Diaz nel 1487, ma fu Vasco da Gama, nel 1497, a portare a termine per la prima volta il tragitto verso le Indie. Oggi l'area è Parco Nazionale che protegge la fynbos, la ricca vegetazione locale, tipica della Provincia del Capo Occidentale. Dal 2004 il parco è entrato a far parte dei beni dell'umanità protetti dall'UNESCO con il nome di Area protetta della Regione Floreale del Capo. Il punto più elevato è Cape Point, che si raggiunge in funicolare, è battezzato con il nome simbolico di Flying Dutchman, il vascello fantasma che solcava i mari senza meta.

 


4

Cape Town (50 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Southern Sun The Cullinan Pensione completa

Giornata di grande interesse culturale. Raggiungiamo infatti Robben Island, l’isola prigione dove Nelson Mandela ha vissuto 18 dei suoi complessivi 27 anni di reclusione, oggi sito Patrimonio dell’Umanità. Ancor oggi la visita delle prigioni viene condotta da ex detenuti politici e al termine proseguiamo verso la “township” di Khayelitsha, la zona più povera della città dove opera la “Iliso Care Society”. Solo così potremo comprendere a pieno questa terra splendida che ancor oggi è piena di contrasti. Società no-profit come quella di “Iliso” operano a favore della popolazione più sfortunata dando assistenza quotidiana. Avremo l’opportunità di conoscere la comunità locale per un’interazione che difficilmente sarà dimenticata.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Per quasi 400 anni, Robben Island, situata nell'Oceano Atlantico a circa 12 chilometri da Cape Town, è stata un luogo d'esilio, di isolamento e prigionia. Lebbrosario dal 1836 al 1931 prima, e prigione poi, dove venivano rinchiusi i dissidenti politici, ma anche gli emarginati e i reietti della società. Durante gli anni dell'apartheid, Robben Island divenne nota a livello internazionale per la sua brutalità, perché l'obiettivo di coloro che la gestivano era isolare gli oppositori dell'apartheid. Per molti anni è stata la "casa" di Sudafricani celebri, come Nelson Mandela, che qui trascorse ben 27 anni e Walter Sisulu. Oggi i turisti possono visitare l'isola e le celle in cui queste persone hanno passato la maggior parte dei loro anni da adulti e ascoltare i racconti in prima persona della vita in quella che è stata riconosciuta come uno dei più grandi atenei di lotta e strategia politica al mondo. Nel dicembre del 1999 è diventato patrimonio dell'umanità UNESCO.


5

Cape Town / Regione dei Vigneti / Montagu (280 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Mimosa Lodge o similare Pensione completa

Ci lasciamo Cape Town alle spalle per addentrarci nel cuore della Provincia del Capo attraversando la rinomata “Regione dei Vigneti” ricca di storia e fascino. A Stellenbosch, grazioso paese ove il tempo sembra essersi fermato, grazie anche ai tantissimi edifici in stile “Cape Dutch”, risalenti al periodo della colonizzazione olandese, degusteremo i rinomati vini sudafricani e pranzeremo in un caratteristico ristorante locale. Arrivo nel pomeriggio inoltrato nella piccola cittadina di Montague, nel cuore della Provincia del Capo Occidentale.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La zona dei vigneti per antonomasia in Sudafrica si trova nell'area sud ovest del paese, grazie alle ottime condizioni climatiche e del terreno per la viticoltura. Sono numerose le principali regioni di produzione, tutte facilmente raggiungibili da Città del Capo. Quest’area fu colonizzata nel ‘600 dagli ugonotti francesi, che portarono con sé la loro preziosa esperienza di viticultori. La maggior parte delle fattorie e delle tenute vinicole hanno nomi francesi. Le tre che fanno da padrone sono Stellenbosh e Paarl, famose per i vini rossi corposi, e Franschhoek per il Méthod Cap Classic, la bollicina sudafricana. Seguono a ruota Cape Point, Wellington e Tulbag Tygerberg, dove si producono Shiraz, Cabernet Sauvignon e Chardonnay.

Una regione molto bella anche da visitare, non soltanto per le infinite distese di vigneti ma anche per le cittadine, come Stellenbosch, famosa per la sua architettura in stile “Olandese del Capo” e per i viali alberati con le enormi querce.


6

Route 62 / Oudtshoorn / Knysna (370 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle The Rex Hotel o similare Pensione completa

Il tour prosegue tra paesaggi incantevoli e piccoli villaggi della regione meglio conosciuta come Little Karoo. Visitiamo un tipico allevamento di struzzi ad Outdshoorn e le vicine grotte Cango, ricche di stalattiti e stalagmiti, per giungere poi in serata a Knysna, la perla della Garden Route, famosa per la sua bellissima laguna.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

A circa 30 Km da Oudtshoorn, le Grotte Cango sono una delle attrazioni naturalistiche più rinomate della regione. Si trovano nel calcare precambriano delle pendici della catena montuosa dello Swartberg. Nonostante l'ampia estensione di tunnel e camere che procedono per oltre quattro chilometri, solo circa un quarto è aperto ai visitatori. Le grotte furono scoperte nel 1780 da un contadino locale di nome Jacobus Van Zyl. La sala in cui scese la prima volta (sala Van Zyl, lunga come un campo di calcio), prende da lui il nome. Furono condotte ulteriori esplorazioni e una seconda sala fu scoperta nel 1792. Le grotte divennero in poco tempo un popolare luogo turistico. Si dice che nel 1898 Johnny van Wassenaer, la prima guida ufficiale delle grotte, abbia camminato 29 ore prima di incontrare la fine delle grotte. Una volta giuntovi, calcolò di essere a 25 km dall'entrata, e 275 metri sotto il livello del suolo. Apparentemente il suo percorso seguiva un fiume sotterraneo. Al momento non sono state però trovate grotte che possano supportare la sua storia. Le formazioni di stalattiti e stalagmiti sono incredibilmente belle, alcune sale anche illuminate con effetti scenici di grande suggestione. Anche l'acustica è fenomenale. Uno dei siti lungo il percorso della Garden Route da non mancare.


7

Knysna / Tsitsikamma / Port Elizabeth / Umhlanga (300 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Beverly Hills Hotel o similare Pensione completa

Proseguiamo il nostro viaggio lungo l’ultimo tratto di Garden Route costeggiando il Tsitsikamma National Park. All’arrivo a Port Elizabeth con volo di linea raggiungiamo Durban. Sistemazione nell’accogliente località balneare di Umhlanga, una delle più ridenti del KwaZulu-Natal. Splendida la passeggiata fronte Oceano da non mancare soprattutto all’alba per ammirare il sorgere del sole.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Lo Tsitsikamma National Park, inaugurato nel 1964, è un parco lungo e stretto che segue per 75 chilometri la costa dell’Eastern Cape, lungo la Garden Route. Creato per proteggere la zona boschiva costiera e l’ambiente marino, il parco è attraversato da sette fiumi tra i quali gli imponenti Bloukrans e Storms. L’acqua è l’elemento principale dello Tsitsikamma, che in lingua khoisan significa infatti "luogo con tanta acqua". Lo Tsitsikamma è stato il primo parco nazionale marino d’Africa. La vegetazione è caratterizzata dai giganteschi alberi di Outeniqua Yellowwood, che svettano con i loro 50 metri di altezza in mezzo alla vegetazione. La foresta ospita diversi tipi di uccelli e animali selvatici. Il Parco offre ai visitatori la possibilità di praticare numerose attività all’aria aperta per scoprire una natura autentica e incontaminata.


8

Umhlanga / Zululand / Hluhluwe (310 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Hluhluwe River Lodge o similare Pensione completa

Dopo la colazione ci addentriamo in questa lussureggiante Provincia sino nei pressi di Eshowe dove troviamo lo “Shakaland Hotel”, una perfetta riproduzione di un tipico villaggio Zulu. Qui sarà possibile vivere un’esperienza culturale per apprendere usi e costumi di questa fiera popolazione. Al termine è prevista un’escursione in barca sull’estuario di St. Lucia. Sistemazione in hotel, pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE


9

Hluhluwe / Swaziland (340 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Foresters Arms o similare Pensione completa

Al mattino effettuiamo un safari all'interno del Parco rinomato soprattutto per i suoi magnifici rinoceronti. Proseguiamo poi verso il Regno dello Swaziland, un piccolo Stato indipendente caratterizzato soprattutto da maestosi paesaggi. Ci sarà la possibilità di effettuare dello shopping lungo il percorso. Sistemazione in hotel in serata, cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE


10

Swaziland / Hazyview (280 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Casa do Sol o Southern Sun Emnotweni Pensione completa

Il viaggio prosegue in direzione Nord rientrando in Sudafrica nella Provincia del Mpumalanga. Il trasferimento riserverà anche oggi scenari vari e di grande suggestione.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Questa piccola cittadina nel cuore della Provincia del Mpumalanga sorge sulle rive del fiume Sabie, nel Lowveld, circondata da piantagioni di banane. La sua vicinanza al Parco Kruger (dista soltanto 12 chilometri da Phabeni Gate, uno degli ingressi al parco) la rende particolarmente interessante anche da un punto di vista turistico. I suoi sentieri naturalistici che attraversano incantevoli foreste con corsi d’acqua, sono molto apprezzati dagli appassionati di mountain bike. Base di partenza ideale per esplorare la Panorama Route, un percorso altamente paesaggistico di questa regione, che include la famosa God’s Window, Blyde River Canyon e Pilgrims Rest.


11

Panorama Route / Riserva Privata Makalali (Kruger Area) (110 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Makalali Game Lodge Pensione completa

Partenza di buon mattino per percorrere la rinomata Panorama Route, un percorso altamente paesaggistico che si snoda nel cuore di questa regione. Visitiamo il possente Blyde River Canyon, il terzo al mondo in ordine di grandezza, le singolari pozze naturali di Bourke’s Luck Potholes e una delle tante cascate che punteggiano la zona. Arriviamo in Riserva Privata, nell’area del Kruger, nella Makalali Game Reserve, in tempo utile per il primo safari in veicoli 4x4 aperti accompagnati da esperti ranger (di lingua inglese). Cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La Panorama Route si snoda dalla catena montuosa del Drakensberg fino al Parco Nazionale Kruger, toccando punti panoramici formidabili, come God’s Window, la “finestra di Dio” che offre una vista incomparabile, Bourke’s Luck Potholes, delle particolari formazioni rocciose a forma di cilindro, The Rondavels, rocce simili a coni, e ancora le cascate Berlin e Lisbon, il meraviglioso Blyde River Canyon, il terzo canyon più profondo al mondo e Pinnacle Rock, un blocco di quarzite di 30 metri di altezza in una gola verde.

Tra tanta natura c'è anche una cittadina famosa, Pilgrim’s Rest, villaggio – museo dedicato ai cercatori d'oro. La Panorama Route è ideale per chi ama lo sport attivo, con possibilità di scalate, canyoning, esplorazione di caverne, rafting, bungee jumping, percorsi con fuoristrada, equitazione, motociclismo, quad e un’infinità di sentieri di trekking.


12

Riserva Privata Makalali (Kruger Area)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Makalali Game Lodge Pensione completa

All’alba e al pomeriggio sono inclusi due emozionati safari alla ricerca dei famosi “Big Five”, i cinque grandi mammiferi africani (leoni, leopardi, rinoceronti, elefanti e bufali) considerati nel tardo ‘800, inizio ‘900, tra gli animali più difficili da cacciare. Durante questi safari è possibile comunque ammirare tantissime specie di animali per un’esperienza davvero affascinante.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Una giornata in una riserva privata sudafricana è il fiore all'occhiello dell'ospitalità del paese. Il ritmo del giorno è scandito dalle stagioni a seconda dell’orario del sorgere del sole e del tramonto. La sveglia è prima del sorgere del sole e dopo una rapida colazione si parte per il primo safari del mattino (circa 2-3 ore) con una sosta per uno spuntino con bevande calde. Il resto della mattinata è a disposizione per relax o per una passeggiata naturalistica accompagnati dal ranger. Intorno alle 13.00, viene servito il pranzo. Dopo la “siesta” incontro verso le 15.30/16.00 per una tazza di té o caffè accompagnata da snack dolci e salati prima di iniziare il safari pomeridiano. All’ora del tramonto, aperitivo in aperta savana prima di proseguire con le torce elettriche alla ricerca degli animali con abitudini notturne. Si rientra al lodge per la cena, spesso all’aperto, sotto le stelle, nel classico “Boma”, un’area circolare recintata dove al centro viene acceso un grande falò.


13

Riserva Privata / Pretoria (425 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle The Maslow Time Square Hotel Pensione completa

Dopo l’ultimo safari del mattino, prima colazione e partenza verso Pretoria, Capitale Amministrativa del Sudafrica, con pranzo lungo il percorso.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Pretoria, chiamata localmente anche Tshwane, è la capitale amministrativa del Sudafrica. Sorta vicino alla miniera di diamanti di Cullinan dove fu scoperto il più grande diamante del mondo, è una città molto bella, con palazzi antichi che si alternano alle moderne strutture degli uffici governativi e finanziari. I suoi ampi viali sono costeggiati dai bellissimi alberi di jacaranda che, soprattutto da ottobre a novembre quando la fioritura è all'apice, offrono uno spettacolo incredibile. La città è caratterizzata da tante case che ricordano il periodo coloniale. Se vi trovate a passeggiare per Church Street, nel cuore di Pretoria, potrete fare una visita alla casa di Paul Kruger, che fu il Primo presidente del Sudafrica e fondatore dell'omonimo parco nazionale. Circondati da immensi giardini, gli Union Buildings sono un'imponente costruzione di mattoni di arenaria rossa, espressione della magnificenza coloniale e imperiale che ospita la sede del governo centrale. E' qui che, subito dopo essere stato eletto, Nelson Mandela fece il primo discorso alla Nazione ed è per questo motivo che ricoprono una grande importanza per tutto il Paese. Gli amanti dello shopping potranno sbizzarrirsi alla ricerca di oggetti di produzione locale, sia nel grande centro commerciale di Sunnypark, in Esselen Street, sia nel mercato delle pulci che viene allestito, al suo interno, ogni domenica. Sempre di domenica, un altro mercatino delle pulci che vale una visita è quello che si svolge a Hatfield dove si vendono molti oggetti di artigianato locale lavorati con le perline. Se poi vi trovate a Pretoria nella terza settimana del mese di ottobre, uno spettacolo da non perdere è il Jacaranda Festival. Moltissimi spettacoli e concerti vengono organizzati durante questa manifestazione e, avvolti nella splendida atmosfera creata dalle jacaranda in fiore, potrete trascorrere una settimana alternando spettacoli teatrali, balletti e tanta musica a uno shopping sfrenato, alla ricerca di ottimi affari nei tantissimi mercatini delle pulci che vengono allestiti per il festival e che richiamano espositori da tutta la provincia. Per approfondire la conoscenza della storia artistica del Sudafrica si può organizzare una visita al Pretoria Art Museum, dove si espone una collezione permanente di arte sudafricana di tutte le epoche storiche del paese. Tradizionali mostre sugli animali e sulla natura sono invece esposte al Transvaal Museum of Natural History che ospita all'esterno anche un immenso scheletro di balena, mentre per provare un'emozione indimenticabile e diversa è anche possibile visitare la miniera di diamanti Cullinan. La vita notturna della città è animata soprattutto nella zona di Hatfield dove, accanto ai negozi alla moda e ai ristoranti, si possono passare divertenti serate nei molti locali e piano bar in cui si suona musica dal vivo. Per i nottambuli le discoteche non mancano. Chi invece desiderasse trascorrere serate di maggior "coinvolgimento culturale" può recarsi al complesso dello State Theatre dove si tengono spettacoli di teatro, musica prevalentemente classica e balletto. Al suo interno infatti ci sono ben 5 teatri: l'Arena, lo Studio, l'Opera, il Drama e il Momentum.


14

Pretoria / Soweto / Italia (145 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Prima colazione e pranzo

Effettuiamo un tour orientativo di Pretoria, una delle tre Capitali del Sudafrica, prima di visitare il famoso sobborgo di Soweto dove ebbe inizio la lotta all’apartheid. Non mancherà la visita al monumento in memoria di Hector Pieterson, alla casa di Nelson Mandela e alla Chiesa Regina Mundi. Pranzo in ristorante e di seguito trasferimento in aeroporto. Rientro in Italia. Pasti e pernottamento a bordo.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Soweto, area urbana di Johannesburg, è la più grande "township" (sobborgo) del Paese e ha avuto un ruolo fondamentale nella storia della lotta all'apartheid. Il nome "Soweto" è una contrazione di "South Western Townships", le township sudoccidentali. La sua storia iniziò all'epoca delle miniere d'oro nei pressi di Johannesburg, nel 1886, quando molti lavoratori neri furono sistemati in aree periferiche come Brickfields. A seguito di una epidemia di peste, furono traferiti in una zona fuori Johannesburg, una sorta di "anticipazione" dell'apartheid. Durante la Seconda Guerra Mondiale, nuovi neri confluirono verso l'area di Johannesburg dove sorsero baraccopoli con capanne di lamiera e cartone, le cosidette township, che crebbero fino a formare un unico agglomerato, Soweto. Dopo il crollo del regime dell'apartheid, nel 1995, Soweto fu incorporata in Johannesburg.

Malgrado la povertà, Soweto oggi dispone di una buona rete stradale, centri commerciali e hotel e anche diversi musei.

 


15

Italia

Arrivo a destinazione in giornata.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Voli di linea Emirates dall'Italia via Dubai


Aggiungi un po' di relax con un soggiorno mare

Il Quality Group