DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile
Condividi:

TOUR DI GRUPPO - ABRUZZO: PAESAGGIO E TESORI D'ARTE

Durata 7 giorni, 6 notti
Arte e Architettura
Natura
Viaggi con Tour Leader
QUOTE A PARTIRE DA: 1380
  • Italyscape
  • QSelect
  • Viaggi Tour Leader

Esclusiva Italyscape

Descrizione del tour

L’Abruzzo è una regione di silenzio e paesaggi di aspra bellezza, in un variare di conche dense di pascoli e giogaie, gole, laghi, cascate e orizzonti boscosi. E improvvisi scorci di borghi accomunati da una grazia severa che spesso rimanda ai secoli medievali.

Luoghi visitati

Pescara, Cattedrale di Atri, Guardiagrele, Scanno, Basilica di Santa Maria di Collemaggio, Alba Fucens, Fortezza di Civitella del Tronto

Note informative

PARTENZE BUS E AVVICINAMENTI
PUNTI DI RACCOLTA:
Bologna, Forli'-Cesena, Frosinone, L'aquila, Mestre, Milano, Napoli, Novara, Padova, Palmanova, Parma, Piacenza, Portogruaro, Roma, Salerno, Torino, Trieste

SPECIALE SOTTOCASA* - incluso nelle seguenti città e comuni limitrofi:
Trieste, Mestre, Torino, Milano, Bologna, Napoli, Roma
Navetta privata da casa vostra al punto di raccolta del bus

NAVETTA DI AVVICINAMENTO* ai punti di raccolta:
– supplemento da € 50:
Friuli Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Lazio, Campania, Abruzzo

– supplemento da € 75:
Trentino Alto Adige, Liguria, Umbria, Valle d'Aosta, Toscana

* Descrizione del servizio ed elenco completo delle città incluse consultabile nell'apposita tabella riepilogativa


Paesi visitati



Itinerario Giornaliero

1

Pescara

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Pescara - Best Western Hotel Villa Maria 4* Francavilla (o similare) Cena

Nel pomeriggio arrivo a Pescara e visita guidata della città di Gabriele D’Annunzio. Si visiteranno la Cattedrale di San Cetteo, in stile romanico abruzzese e la casa dello scrittore. A seguire, i caratteristici vicoli di “Pescara Vecchia”, ove emerge il passato glorioso di una città marinaresca fin dall’epoca romana. Cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Pescara è la città di Gabriele D’Annunzio, la cui casa fu dichiarata monumento nazionale nel 1927. La Cattedrale di San Cetteo, in stile romanico abruzzese, fu finanziata personalmente dallo scrittore. I colorati e caratteristici vicoli di “Pescara Vecchia” fanno riemergere il passato di una città marinaresca, uno dei più importanti porti in epoca romana. Corso Monthonè, il corso della città vecchia, è il fulcro della vita notturna. La principale arteria cittadina è rappresentata da Corso Umberto I, che termina su piazza Rinascita, più nota come piazza Salotto, e giunge fino alla riviera in piazza Primo Maggio. 


2

Atri – Ortona e costa dei Trabocchi

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Pescara - Best Western Hotel Villa Maria 4* Francavilla (o similare) Prima colazione e cena

Trasferimento ad Atri, adagiata su uno sperone attorniato da querce e ulivi. Visita guidata alla cattedrale di S. Maria Assunta, esempio significativo dell’architettura medievale abruzzese. Nel pomeriggio trasferimento verso la costa e passeggiata con l’accompagnatore ad Ortona, antica città dal florido passato grazie alla presenza del porto. Proseguimento fino all’Abbazia di S. Giovanni in Venere, su di un promontorio con una splendida vista sulla “costa dei trabocchi”. A seguire, aperitivo su un trabocco, antica e tipica costruzione marinara. Cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il centro storico di Atri, deliziosa cittadina del teramano adagiata su uno sperone, è ricco di monumenti, palazzi, musei, caratteristici vicoli e piazze. Nel cuore di Atri, si trova la sua cattedrale dedicata a S. Maria Assunta, uno degli esempi più significativi dell’architettura medievale abruzzese, opera di Raimondo di Poggio e Rainaldo d’Atri, che ne iniziarono la costruzione intorno al 1260, al posto di una chiesa romanica. I lavori terminarono nel 1305, mentre l’ottagono superiore del campanile risale al 1502 per opera di Antonio Lodi. Notevoli gli affreschi all’interno, alcuni dei quali molto ben conservati, come la Madonna del Cardellino, risalente alla fine del Trecento, nella navata destra, mentre in quella sinistra, rimane parte degli affreschi dedicati alla vita di Cristo.


3

Chieti - Guardiagrele - Pacentro

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Sulmona - Hotel Santacroce Ovidius 4* (o similare) Prima colazione e cena

Trasferimento a Chieti e visita guidata del centro storico con la famosa Cattedrale di San Giustino e il Museo Archeologico Nazionale di Chieti che ospita una pregevole raccolta archeologica abruzzese. Partenza per Guardiagrele e passeggiata con l’accompagnatore in questo tesoro del Parco della Majella, inserito tra i dei “Borghi più belli d’Italia”. Proseguimento per Sulmona con breve sosta a Pacentro, pittoresco borgo ricco di testimonianze medioevali e rinascimentali. Cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Guardiagrele, autentico tesoro del Parco della Majella, è inserito tra i dei “Borghi più Belli d’Italia” ed è conosciuto come "la città della pietra" di D'annunzio. Ospita molte architetture interessanti, è rinomata per il tipico dolce "la sisa delle monache" e possiede un’alta concentrazione di botteghe artigiane legate alla lavorazione dei metalli, in particolare ferro battuto, rame ed oro.


4

Sulmona - Scanno

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Sulmona - Hotel Santacroce Ovidius 4* (o similare) Prima colazione e cena

Visita guidata di Sulmona, famosa per le chiese medievali e per la produzione di confetti variopinti. Passeggiata nel centro storico per visitare la Cattedrale; il palazzo della Casa Santa dell’Annunziata, capolavoro dell’architettura civile dell’Abruzzo; la Chiesa di S. Francesco della Scarpa; l’acquedotto formato da una teoria di 21 archi gotici, emblema della Sulmona medievale. Nel pomeriggio trasferimento a Scanno: splendida è la strada che porta al borgo arroccato su uno sperone di roccia, famoso per i suoi inconfondibili scorci. Passeggiata con l’accompagnatore e sosta presso un laboratorio di arte orafa per conoscere questa espressione dell’artigianato locale. Cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Scanno, uno dei borghi più noti della montagna abruzzese, è famosa per il suo lago, il più grande bacino naturale della regione. La cittadina sorge su uno sperone che sbarra la valle e possiede uno straordinario nucleo medievale costituito da vicoli, archi e scalinate e arricchito da un’edilizia rinascimentale e barocca, rustica ma di pregio. Per i suoi inconfondibili scorci, Scanno fu infatti immortalata da numerosi fotografi famosi, tra cui Henri Cartier-Bresson.


5

Bominaco - Navelli - L'Aquila

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle L’Aquila - Hotel L’Aquila 4* (o similare) Prima colazione e pranzo

Partenza per Bominaco, e visita guidata della romanica Abbazia di Santa Maria Assunta e dell’Oratorio di San Pellegrino, con meravigliosi affreschi che ricoprono la volta e le pareti. Proseguimento per la piana di Navelli. Sosta in un’azienda agricola per scoprire lo zafferano, l’oro rosso di Navelli, e pranzo con degustazione. Nel pomeriggio proseguimento per l’Aquila. Cuore nevralgico della città è Piazza del Duomo, notevole per bellezza e grandezza. Sulla Piazza campeggiava l’imponente Duomo, gravemente danneggiato nel terremoto del 2009. La città è caratterizzata da un patrimonio artistico inestimabile: la Basilica di Santa Maria di Collemaggio, con la facciata di pietra ocra e rosa, la magnifica Basilica di S. Bernardino e il castello del XVI sec di cui si può ammirare l’architettura esterna. Cena libera e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Secondo la tradizione l'edificazione del tempio fu voluta dall'eremita Pietro Angelerio da Morrone, che qui fu incoronato papa nel 1294 con il nome di Celestino V. Il santo monaco avrebbe ricevuto la richiesta di innalzare una chiesa in onore della Vergine Maria dalla Vergine stessa, apparsagli in una sosta sul luogo detto "Collemadio", mentre si recava al Concilio di Lione in Francia.
Collemaggio, monumento simbolo del capoluogo abruzzese, racchiude in sé un insieme di stili diversi frutto di fasi costruttive e restauri cui è stata sottoposta nel corso dei secoli. La facciata è interamente rivestita in pietra locale bianca e rosa, incastonata in un gioco geometrico che richiama la "Fontana delle 99 cannelle". Nella parte superiore spicca un raffinatissimo rosone e nella parte inferiore si aprono tre portali romanici e altri due rosoni, di dimensioni minori.


6

Alba Fucens – Celano - Stiffe

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle L’Aquila - Hotel L’Aquila 4* (o similare) Prima colazione e cena

Partenza per Alba Fucens, la più nota antica città dell’Abruzzo. Visita guidata alle rovine della città romana e alla vicina chiesetta di San Pietro. Proseguimento per Celano sovrastato dal Castello Piccolomini, e visita guidata del Museo di arte sacra della Marsica al suo interno. Ritornando verso l’Aquila, sosta a Stiffe e visita guidata delle omonime grotte. Il torrente sotterraneo forma all’interno della cavità rapide e cascate spettacolari, accompagnando il visitatore in un vero e proprio viaggio a ritroso nel tempo. Cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Fondata dai Romani nel 303 a.C. Alba Fucens è la città più antica d’Abruzzo. L’antica colonia latina, una delle più ricche e delle più fedeli alla capitale, si trova nell'attuale frazione di Massa d'Albe in provincia de L'Aquila, nel territorio degli Equi, in un contesto ambientale e paesaggistico di grande fascino. Alba Fucens era circondata da quasi tre chilometri di mura difensive e da quattro porte di accesso. Dopo avere partecipato alla seconda guerra punica, conobbe un lungo periodo di prosperità e ricchezza. La colonia, infatti, fu abbellita con numerosi edifici, tuttora in parte visibili.


7

Civitella del Tronto

Categoria Sistemazione Trattamento
4 stelle Prima colazione

Trasferimento a Civitella del Tronto, situata su una rupe rocciosa da cui si gode un ampio panorama, per la visita guidata della poderosa fortezza che fu l’ultimo baluardo dei Borbone fino al 1861, prima di arrendersi ai Piemontesi. Al termine delle visite, tempo per il pranzo libero e partenza per il rientro.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Simbolo di Civitella del Tronto è la fortezza borbonica, capolavoro di ingegneria militare che con i suoi 25.000 metri quadri di superficie è la più grande d’Europa.  Fu edificata dagli spagnoli tra il 1564 e il 1576 cirocndata da imponenti bastioni con i camminamenti per la ronda, le piazze d'armi e per il museo che vanta una notevole collezione di armi antiche, documenti e mappe dell'epoca. Vista spettacolare a 360° sul panorama. 

Una famosa pagina di storia legata a Civitella e alla sua fortezza è quella relativa al Risorgimento: la cittadella ha resistito a lungo all’invasione piemontese e ai moti insurrezionali che percorrevano l’Italia ed è stata l’ultima roccaforte ad arrendersi all’invasione, il 20 marzo 1861.


Aggiungi un po' di relax con un soggiorno mare