DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile
Condividi:

MERAVIGLIE ITALIANE SELF-DRIVE - ABRUZZO, BORGHI E COSTA DEI TRABOCCHI

Durata 7 giorni, 6 notti
Arte e Architettura
Natura
QUOTE A PARTIRE DA: 810
  • Italyscape
  • QExperience

Esclusiva Italyscape

Descrizione del tour

Antologia del paesaggio mediterraneo

“Proteso dagli scogli, simile a un mostro in agguato, con i suoi cento arti il trabocco aveva un aspetto formidabile”
(G. D’Annunzio)

Luoghi visitati

Pescara, Guardiagrele, Cattedrale di Atri, Scanno, Pacentro, Lanciano, Ortona, Costa dei trabocchi

Paesi visitati



Itinerario Giornaliero

1

Pescara

Categoria Sistemazione Trattamento
3 stelle Pescara - B&B Maison Fleurie (o similare) Pernottamento

Nel primo pomeriggio incontro con la guida a Pescara, la città di Gabriele D’Annunzio. Passeggiata guidata con visita alla Cattedrale di San Cetteo, in stile romanico abruzzese e la casa dello scrittore. A seguire, i colorati e caratteristici vicoli di “Pescara Vecchia”.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Pescara è la città di Gabriele D’Annunzio, la cui casa fu dichiarata monumento nazionale nel 1927. Città dinamica e moderna, è il centro abruzzese di riferimento per servizi e commercio. I colorati e caratteristici vicoli di Pescara Vecchia fanno riemergere il passato di una città marinaresca, uno dei più importanti porti in epoca romana. La principale arteria cittadina è Corso Umberto I, che termina su piazza Rinascita, più nota come piazza Salotto, e giunge fino alla riviera in piazza Primo Maggio. La Cattedrale di San Cetteo, in stile romanico abruzzese, fu finanziata personalmente dallo scrittore. Corso Monthonè, il corso della città vecchia, è il fulcro della vita notturna. Tra i simboli di Pescara, il Ponte del Mare, inaugurato nel 2009 che con i suoi 466 metri di lunghezza è il più grande ponte ciclopedonale d'Italia. La riviera, ampia e attrezzata, con stabilimenti e ristoranti sul mare e con una lunga pista ciclabile, è molto frequentata non solo nella stagione estiva.


2

Chieti - Guardiagrele (85 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
3 stelle Pescara - B&B Maison Fleurie (o similare) Prima colazione

Partenza per Chieti per la visita guidata del centro storico, che custodisce un patrimonio artistico di particolare valore, tra cui la famosa Cattedrale di San Giustino. Visita del Museo Archeologico Nazionale di Chieti e, nel pomeriggio, trasferimento con la guida a Guardiagrele, tesoro del Parco della Majella inserito tra i “Borghi più belli d’Italia”. Visita del borgo e sosta in una pasticceria storica per degustazione di dolci tipici, tra cui le sise delle monache.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Guardiagrele, autentico tesoro del Parco della Majella, fa parte de I Borghi più Belli d’Italia, ed è conosciuto come "la città della pietra" di D'annunzio. Nacque per opera dei Benedettini che realizzarono qui un monastero e visse il suo massimo splendore nel XII secolo. Non a caso, l’urbanistica e gli edifici del centro storico sono ricche di chiese, torri vecchi palazzi e stretti vicoli, tipici delle atmosfere medievali. Ospita molte architetture interessanti, è rinomata per la produzione dolciaria il tipico dolce le sise delle monache, chiamate anche pudicamente tre monti, e possiede un’alta concentrazione di botteghe artigiane legate alla lavorazione dei metalli, in particolare ferro battuto, rame ed oro. Da qui partono incantevoli itinerari che costeggiano torrenti, attraversano canyon e fitti boschi.


3

Atri (135 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
3 stelle Sulmona - B&B Marchese del grillo (o similare) Prima colazione

Trasferimento ad Atri, adagiata su uno sperone attorniato da querce e ulivi. Passeggiata guidata del centro storico e visita alla cattedrale, esempio significativo dell’architettura medievale abruzzese. Pomeriggio libero: si consiglia la visita alla riserva naturale dei calanchi, splendida Oasi WWF.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il centro storico di Atri, deliziosa cittadina del teramano adagiata su uno sperone, è ricco di monumenti, palazzi, musei, caratteristici vicoli e piazze. Nel cuore di Atri, si trova la sua cattedrale dedicata a S. Maria Assunta, uno degli esempi più significativi dell’architettura medievale abruzzese, opera di Raimondo di Poggio e Rainaldo d’Atri, che ne iniziarono la costruzione intorno al 1260, al posto di una chiesa romanica. I lavori terminarono nel 1305, mentre l’ottagono superiore del campanile risale al 1502 per opera di Antonio Lodi. Notevoli gli affreschi all’interno, alcuni dei quali molto ben conservati, come la Madonna del Cardellino, risalente alla fine del Trecento, nella navata destra, mentre in quella sinistra, rimane parte degli affreschi dedicati alla vita di Cristo.


4

Sulmona (20 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
3 stelle Sulmona - B&B Marchese del grillo (o similare) Prima colazione

Visita guidata di Sulmona, famosa per le chiese medievali e per la produzione di confetti. Pomeriggio libero: si consiglia una visita a Scanno, uno dei borghi più noti della montagna abruzzese, famoso per i suoi scorci e per il suo lago.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Scanno, uno dei borghi più noti della montagna abruzzese, è famosa per il suo lago, il più grande bacino naturale della regione. In questo paesino vivono meno di duemila anime, ma qui la realtà è davvero ricca di magia. La cittadina sorge su uno sperone che sbarra la valle e possiede uno straordinario nucleo medievale costituito da vicoli, archi e scalinate e arricchito da un’edilizia rinascimentale e barocca, rustica ma di pregio. Non mancano le chiese, come quella di Santa Maria della Valle che domina la piazza principale e la chiesa di Sant’Eustachio, intitolata al patrono e alla Madonna di Loreto. L’antica fontana in largo Bergia, è nota anche come “fontana del ceto sociale” perché nell’antichità ognuno aveva una cannella precisa in cui poter bere e rappresentava un ceto sociale differente. Scanno è famosa per l'arte orafa e anche per il Museo della Lana. Per i suoi inconfondibili scorci, Scanno fu infatti immortalata da numerosi fotografi famosi, tra cui Henri Cartier-Bresson.


5

Pacentro (95 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
3 stelle Lanciano - Agriturismo Angelucci (o similare) Prima colazione

La mattina è libera: si consiglia una visita al borgo medievale di Pacentro, situato a pochi chilometri da Sulmona. Proseguimento verso la campagna nei dintorni di Ortona, che è stata per secoli una delle più vaste aree di produzione vitivinicola del Centro Sud, e visita di una cantina locale con degustazione guidata.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Collocato lle pendici delle montagne del Morrone a 700 metri di altitudine, arroccato a guardia della Valle Peligna, Pacentro è un suggestivo borgo montano, porta naturale e al tempo stesso il cuore del Parco Nazionale della Maiella. Il Castello Caldora con le sue torri quadrate del XIV e i torrioni rotondi del V secolo svetta sulla valle e faceva parte del sistema difensivo della Valle Peligna, insieme ad altri castelli. Nel centro storico, si possono ammirare la cinquecentesca Chiesa Madre, dall'imponente facciata e la chiesa di San Marcello che fondata nel 1047 è la più antica del borgo. Numerose le sagre che si celebrano durante l'anno, con la Sagra della Polta di agosto. Poco distante dal paese, si trovano le pitture rupestri delle grotte di Valle Nusca, dove si vedono i graffiti tracciati con ocra rossa che rappresentano scene di caccia. Pacentro è la città di origine di Madonna: qui nacquero i nonni paterni della cantante all'inizio del Novecento.


6

Lanciano - Ortona (50 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
3 stelle Lanciano - Agriturismo Angelucci (o similare) Prima colazione

Visita guidata di Lanciano con la Basilica Cattedrale della Madonna del Ponte e il quartiere vecchio, sorprendente per il connubio tra Medioevo e Romanticismo. Dopo il pranzo libero, trasferimento con la guida a Ortona, affacciata sullo splendido mare della Costa dei Trabocchi. Ortona fu teatro di una dura battaglia tra tedeschi e alleati che portò a bombardamenti ininterrotti per sei mesi, tanto che Churchill la definì "La Stalingrado d'Italia".

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Affacciata sullo splendido mare della Costa dei Trabocchi, Ortona ha origini antichissime risalenti al popolo dei Frentani, che usava lo scalo commerciale come principale fonte economica del territorio. Oggi qui ha sede il porto più grande dell’Abruzzo. Il suo litorale è molto vario e include un susseguirsi di baie, scogliere, insenature e naturalmente una lunga spiaggia. Il centro storico ospita diversi edifici di pregio, come il Palazzo Farnese e il Castello Aragonese e diverse chiese, tra cui la cattedrale dedicata a San Tommaso. Un'ottima cucina di mare caratterizza Ortona. Tra le curiosità, nel dicembre 1943 fu infelice teatro di una dura battaglia tra tedeschi e Alleati, con bombardamenti ininterrotti per sei mesi nel centro della città. 


7

Costa dei trabocchi (10 km)

Categoria Sistemazione Trattamento
3 stelle Prima colazione

Mattina libera per la visita alla Costa dei Trabocchi. Si consiglia la visita all’abbazia di S. Giovanni in Venere, posta su di un promontorio, con una splendida vista. In tarda mattinata visita ad un trabocco, antica e tipica costruzione marinara, costruita su pali conficcati direttamente in mare o tra gli scogli. Spuntino accompagnato da un vino locale sullo splendido trabocco. Al termine, rientro in autonomia presso il proprio domicilio.  

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La Costa dei Trabocchi è un tratto di mare dl litorale abruzzese, caratterizzato dalla presenza dei trabocchi, ovvero antiche macchine da pesca, strane e complesse  che posano su palafitte sul mare o tra gli scogli e ancorate a riva da una serie di cavi e tavole di legno. Per realizzarli si utilizzano diversi tipi di legno e ora anche fili di ferro e traversine della ferrovia, ma sempre materiale di riciclo. La loro funzione era quella di pescare senza avventurarsi pericolosamente in barca. Secondo gli storici pare che esistessero già nel 1240.

Nella loro complessità sono molto armoniosi ed eleganti nel gioco di corde, fili e pali intrecciati tra loro che li rendono simili a “ragni colossali” come li definì Gabriele D’Annunzio.


Aggiungi un po' di relax con un soggiorno mare