DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile
Condividi:

Mini Tour Giordania 31 Dicembre 2019

Durata 6 giorni, 5 notti
QUOTE A PARTIRE DA: 1429
  • Mistral Tour

Esclusiva Mistral Tour

Descrizione del tour

La struggente bellezza di Petra, il fascino delle testimonianze bibliche e delle antiche città romane.

Luoghi visitati

Amman, Petra

Paesi visitati



Itinerario Giornaliero

1

Italia/Amman

Categoria Sistemazione Trattamento
Comfort Geneva hotel o similare

Partenza per Amman con volo di linea. Arrivo e trasferimento in hotel. Cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Amman, la capitale e la più popolosa città della Giordania, sorge su 14 montagne e probabilmente su un antico insediamento precedente chiamato Rabbath Ammon e poi in epoca romana, nel III secolo a.C. Philadelphia, in onore di Tolomeo Philadelphius,quando entrò a far parte del suo regno. Nel corso degli anni fu dominata da diversi popoli e fu anche data in dono a Cleopatra fino a passare a Erode Il Grande, diventando parte dell’Impero Romano, nel 30 a.C. Oggi è una città moderna, con edifici storici concentrati nella Cittadella, un pittoresco souq e piccole viuzze con botteghe, ma anche gallerie d’arte, ristoranti e hotel.Tra gli edifici storici, spicca lo splendidoTeatro Romano.


2

Amman

Categoria Sistemazione Trattamento
Comfort Geneva hotel o similare

Prima colazione. In mattinata partenza per JERASH, una delle città ellenistico-romane meglio conservate del Medio Oriente. Rimase sepolta per secoli sotto la sabbia. Jerash è stata centro politico e culturale a partire dalla sua fondazione da parte di Alessandro Magno. Si visiterà l’Arco di Adriano, a 400 mt dalle mura della città, costruito nel 129 in pietra color ocra in onore dell’Imperatore. Quindi l’Ippodromo: parte delle sue gradinate sono state ricostruite e sono state riportate alla luce delle scuderie e due torri d’angolo. Il Foro, di forma insolitamente ovale, circondato da 63 colonne in stile ionico, sopra le quali corre un’unica linea di architravi. Il tempio di Artemide, dea protettrice della città. Sorgeva su un grande podio all’interno dell’area sacra, delimitata da portici colonnati; del peristilio che contornava la cella in cui era conservata la statua della dea, rimangono delle splendide colonne corinzie di altezza inusuale. Il Teatro Sud, conservato in condizioni quasi perfette possiede una cavea con 32 file di sedili che possono ospitare più di 3000 spettatori. L’acustica è eccellente e il teatro viene ancora usato ai giorni nostri per gli eventi più importanti nell’ambito del Festival di Jerash. Seconda colazione. Nel pomeriggio sosta ad AJLOUN, l’antico castello costruito dagli arabi in difesa degli attacchi dei crociati. E’ parzialmente restaurato e in buone condizioni. Il nucleo originario era composto da quattro torri angolari ed era circondato da un fossato largo 16 metri; in seguito fu aggiunta una nuova torre all’angolo sud-orientale che diventò la torre principale. Era una stazione strategica lungo l’asse Cairo-Bagdad per l’invio di segnali di fumo e lo smistamento di piccioni viaggiatori. Sosta agli scavi di GADARA, da dove si ammira uno splendido panorama sul lago Tiberiade. Ebbe il suo maggiore splendore a partire dal II secolo quando fu assorbita nella Provincia della Siria e divenne famosa in tutto l’Impero Romano per le qualità terapeutiche della vicina sorgente. Sembra plausibile che i numerosi edifici, fra cui tre teatri, di questa vivace città termale siano sorti per soddisfare le esigenze di svago dei frequentatori delle terme. Rientro ad Amman, cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Jerash, l'antica Gerasa, ma anche nota come “la Pompei del Medio Oriente”, è capitale dell'omonima regione giordana, ubicata nel nord del paese, a circa trenta chilometri dalla capitale Amman ed è situata sulle sponde del fiume Wadi Jerash, che fa parte del bacino idrografico del Giordano. Jerash è uno dei siti archeologici meglio conservati al mondo e probabilmente esisteva già in epoca neolitica, come i ritrovamenti archeologici confermano ed è la seconda attrazione turistica della Giordania. I luoghi di interesse più importanti sono, oltre alla Piazza Ovale, il centro della città, il Foro, il Tempio di Zeus, l'Arco di Adriano, l'Ippodromo, la Porta meridionale, il Teatro meridionale, il Complesso delle tre chiese bizantine, la Cattedrale, la Chiesa di San Teodoro, il Ninfeo, il Tempio di Artemide, il Teatro settentrionale, le Terme e la Porta settentrionale.


3

Amman

Categoria Sistemazione Trattamento
Comfort Geneva hotel o similare

Prima colazione. In mattinata partenza per il MONTE NEBO, il luogo ove morì Mosé, e a MADABA, dove ammirare il famoso mosaico della Palestina custodito all'interno della chiesa ortodossa di S. Giorgio. Seconda colazione. Nel pomeriggio arrivo sul Mar Morto e tempo a disposizione per una nuotata e per un po' di relax. Rientro ad Amman, cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La città giordana di Madaba è stata fondata sull'antico sito biblico di Medba o Medeba, da cui ha poi preso il nome. La città sorge sulla Via Regia, una strada costruita cinquemila anni fa; nei pressi, si trova il Monte Nebo, alto circa 817 metri. Madaba ha una storia molto antica, che risale all'Età del Ferro, come testimoniano i molti reperti archeologici portati alla luce. La città moabita di Medeba, citata nella Bibbia, fu uno degli insediamenti spartiti dalle dodici tribù di Israele al tempo dell'Esodo. Dopo la conquista nel 614 dai Persiani sasanidi, iniziò il suo declino artistico e culturale, e la città fu abbandonata dopo il terribile terremoto del 749, che la rase al suolo. Madaba rinacque dopo circa 1100 anni, grazie a una piccola comunità cristiana di circa 2.000 persone, che in lotta con la comunità musulmana di Karak, decise di trasferirsi lì alla fine del XIX secolo e scoprì i bei mosaici gettando le fondamenta per costruire case.


4

Amman/Petra

Categoria Sistemazione Trattamento
Comfort Petra Guest house o similare

Prima colazione. In mattinata partenza per Petra. Prima sosta al sito di UMM EL RASAS: è un antichissimo insediamento con resti di età romana e bizantina famoso per i meravigliosi mosaici, in particolare quelli ritrovati all’interno della chiesa di S. Stefano. Si prosegue per il WADI RUM, all’interno del territorio degli Howeitat, tribù beduina seminomade. Ricco di risorse idriche esso fu abitato già 400.000 anni fa; i Nabatei vi giunsero probabilmente nel VI secolo a. C. ma i ritrovamenti della loro civiltà risalgono solo al IV a.C. Il paesaggio ha tonalità rossicce, la vegetazione scarseggia fino a scomparire quasi del tutto, mentre le venature minerali di rame compaiono lungo la parte inferiore delle colline. Viene anche chiamato Valle della Luna, ha sempre costituito un percorso naturale per il passaggio delle carovane da e per l’Arabia Saudita. Si effettuerà un’escursione in fuoristrada tra gli splendidi panorami e magiche atmosfere. Seconda colazione. Nel pomeriggio, proseguimento per Petra. Cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Immenso, echeggiante e divino” così descriveva T.E. Lawrence il Wadi Rum, il deserto che si trova in un’ampia valle (conosciuta anche come valle della luna) nella Giordania meridionale, a 60 chilometri circa a est di Aqaba. È probabile che la parola Rum provenga dalla radice aramaica che significa "alto" o “elevato”, un nome non dato a caso, perché qui il vento e il tempo hanno creato degli incredibili monolitici che arrivano fino a 1750 metri di altezza. Come il monte più alto del Wadi Rum è il Jebel Rum alto 1754 metri, mentre poco più a sud del Wadi Rum, al confine con l'Arabia Saudita, vi è il monte Jebel Wmm Adani, di circa 1830 metri. Su alcune rocce ci sono ancora alcuni disegni che risalgono a oltre 4.000 anni fa. Molte tribù beduine vivono a Wadi Rum e la maggior parte dei beduini ancora veste nell'abito tradizionale e mantiene vive tradizioni ancestrali.


5

Petra

Categoria Sistemazione Trattamento
Comfort Petra Guest house o similare

Prima colazione. Intera giornata dedicata alla visita della capitale dei Nabatei, probabilmente la città antica più scenografica del mondo. Vi si giunge dopo avere attraversato il "siq", una stretta gola delimitata da altissime rupi, lungo il percorso si possono vedere delle sculture a forma di obelisco accompagnate da varie iscrizioni, tracce dell’antica pavimentazione e resti del canale scavato nella roccia, che un tempo scorreva per tutta la lunghezza del siq fino ad arrivare a Petra. Si visiteranno splendidi monumenti quali il "Tesoro": il suo nome deriva dalla leggenda secondo la quale un faraone egizio decise di nascondere qui il suo tesoro, nel sepolcro posto al centro del secondo livello. La gente ovviamente crede che questa leggenda sia vera, poichè l’urna, alta 3.5 m, porta numerosi segni di proiettili, conseguenza di inutili tentativi di aprire con la forza la solida roccia del sepolcro. L’elemento più affascinante è la facciata, l’interno consiste soltanto in una stanza quadrata disadorna, con una stanza più piccola sul retro. Il "Monastero" ha uno stile molto simile al Tesoro, ma le sue dimensioni sono notevolmente maggiori. Venne costruito nel III secolo a.C. e le croci scolpite nei muri interni fanno supporre che fosse in seguito stato usato come chiesa. Il teatro romano, anfiteatro da 8000 posti. Originariamente si credeva fosse stato costruito dopo la sconfitta dei Nabatei da parte dei Romani nel 106 a.C., mentre ora si ritiene che furono gli stessi Nabatei a ricavarlo nella roccia ai tempi di Cristo, distruggendo molte grotte e tombe durante i lavori. La facciata che comprende le tre tombe a volte viene anche chiamata Muro dei Re. Le tombe vennero scolpite direttamente nella roccia e i disegni sono sorprendenti. E’ difficile immaginare come abbiano potuto ricavare con tanta precisione muri interni così lisci e spigoli così acuminati e gli altari sacrificali. Seconda colazione all'interno del sito. Cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Per raggiungere il monumento più grande di Petra, bisogna percorrere una salita di 800 gradini. Ma ne vale la pena: il Monastero, in lingua locale Ad-Dair, scavato nella roccia dai Nabatei tra il II e I secolo a.C. è molto simile al più famoso Il Tesoro, ma decisamente più grande: 45 metri di larghezza e 50 di altezza, con un portale di 8 metri che spicca sulla facciata.

Sulle colline sopra i musei di Petra, si trova questo edificio scavato nella roccia molto simile al palazzo del tesoro, ma molto più grande. Era un tempio, ma anche una tomba di un re, dove i sacerdoti e i fedeli pregavano al termine delle processioni. La salita per raggiungerlo inizia a fondo valle dopo la via Colonnata, lungo un percorso molto suggestivo. Una volta arrivati si può proseguire per una quindicina di minuti di strada per osservare il panorama della Wadi Araba e vedere la Tomba di Aronne.


6

Petra/Amman/Italia

In primissima mattinata trasferimento in aeroporto e partenza con volo di linea.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE


Aggiungi un po' di relax con un soggiorno mare

Il Quality Group