DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile
Condividi:

Etiopia Gran Tour

Durata 15 giorni, 12 notti
QUOTE A PARTIRE DA: 3299
  • Mistral Tour
  • QExperience

Esclusiva Mistral Tour

Descrizione del tour

Un viaggio suggestivo tra le splendide testimonianze della grande civiltà etiope: i popoli ed i mercati della valle dell’Omo, i maestosi paesaggi dell’altopiano, le chiese di Lalibela e del Lago Tana, i castelli di Gondar e le steli di Axum.

Luoghi visitati

Arba Minch, Turmi, Jinka, Konso, Addis Abeba, Bahar Dar, Gondar, Lalibela, Axum

Paesi visitati



Itinerario Giornaliero

1

Italia/Addis Abeba

Partenza in serata con volo di linea per Addis Abeba. Pasto e pernottamento a bordo.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Partenza con volo di linea.


2

Addis Abeba/Arba Minch

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Haile Resort 4* o Paradise Lodge 4* o Emerald Resort 4*

Arrivo e trasferimento al gate del volo interno su Arba Minch. Seconda colazione. Partenza per il lago Chamo dove si potranno ammirare ippopotami, coccodrilli e una grande varietà di uccelli. Cena e pernottamento al lodge.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Lago Chamo è un lago dell'Etiopia Meridionale, si trova nella Great Rift Valley a un'altitudine di 1235 metri e la parte settentrionale del lago si trova nel Parco Nazionale di Nechisar

Il lago raggiunge una profondità massima di 14 metri, misura 32 chilometri di lunghezza e 13 di larghezza, per un'area di 317 chilometri quadrati.

In occidente il Lago Chamo è stato scoperto nel 1893, anno in cui venne raggiunto dall'esploratore italiano Eugenio Ruspoli.

Nel punto in cui il fiume Kolfo si getta nel lago Chamo si possono avvistare numerosi coccodrilli, motivo per cui l'area è conosciuta come mercato dei coccodrilli.


3

Arba Minch/Turmi

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Buska Lodge 3* o Turmi Lodge 3* o Emerald Resort 3* o Paradise Lodge 3*

Dopo la prima colazione si parte per Turmi. Lungo la strada sosta ad Aldubba per visitare il grande mercato settimanale dove confluiscono diversi gruppi etnici della zona. Seconda colazione a pic-nic. All’arrivo a Turmi si visita un villaggio Hamer. Gli Hamer sono un gruppo di circa 50.000 individui che vivono di agricoltura e allevamento; producono inoltre un particolare tipo di miele che è uno degli alimenti fondamentali della loro dieta. Arrivo al lodge. Cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La città etiope di Turmi, situata a sud del Paese, è caratterizzata dal tipico mercato locale che si svolge ogni lunedì.

Tra le bancarelle del mercato di Turmi è possibile trovare ogni mercanzia, come spezie, gioielli, pelli di capra decorate e gli oggetti tradizionali come zucche incise. Tra i prodotti più tipici offerti dai mercanti di Tumi sono da segnalare i meravigliosi cesti intrecciati che ogni donna utilizza come borse da shopping.


4

Turmi/Jinka

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Eco Omo Lodge 3* o Naza Hotel 3* o Orit Hotel 3*

Prima colazione. Partenza per Omorate, la regione dei Galeb, guerrieri conosciuti anche con il nome di Dessanech. Vivono molto vicini al lago Turkana e durante le danze tradizionali indossano un copricapo che ricorda la criniera dei leoni. Rientro a Turmi per pranzo. Nel pomeriggio si prosegue per Jinka. Quasi all’entrata di Jinka si visita un villaggio Ari. Gli Ari posseggono grandi mandrie e vivono della vendita di miele, grappa di mais e manufatti di loro produzione. Le donne indossano gonne chiamate Koisha, confezionate con la corteccia dell’albero che porta lo stesso nome. Arrivo in hotel per cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Jinka è una città mercantile della Regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud, nell'Etiopia meridionale.

La città è famosa per il suo importante mercato che si tiene ogni sabato e richiama numerose persone appartenenti a vari gruppi etnici, tra cui gli hamer e i banna.

Da visitare anche il South-Omo Museum & Research Center, situato su di una collina, dove è possibile conoscere la cultura materiale dei popoli della regione.


5

Jinka/Konso

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Kanta Lodge 3* o similare

Prima colazione e partenza per la visita ai villaggi Mursi all’interno del Mago N.P. L’incontro con la popolazione dei Mursi è uno dei momenti più significativi del viaggio. I Mursi erano un tempo una popolazione nomade, ma ora si occupano di agricoltura e pastorizia. Le donne Mursi, per bellezza, usano inserire nel labbro inferiore della bocca piattelli circolari di argilla che misurano fino a 15 cm di diametro. Gli uomini presentano sulla pelle scarificazioni che indicano il numero di animali selvatici catturati o dei nemici uccisi in battaglia. Pranzo al sacco. Sosta a Key Afer per la visita del grande mercato che si anima e si colora con la presenza di centinaia di persone appartenenti alle etnie Benna, Tsemay e Hamer, popolazioni che vivono in queste zone e che, al mercato, vendono e comprano merci di ogni tipo. Arrivo a Konso nel tardo pomeriggio. Cena e pernottamento al lodge.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Mago National Park è uno dei parchi nazionali dell'Etiopia, situato nella Regione delle Nazioni, Nazionalità e Popoli del Sud.

Il parco è diviso in due parti dal fiume Mago: la parte ovest è costituita dalla Riserva selvaggia Tama, mentre la parte sud è un'area riservata alla caccia controllata. 

Visitando il parco è possibile avvistare numerosi mammiferi come giraffe, elefanti, leoni, leopardo, antilopi e oltre 300 specie differenti di uccelli.

Non solo: lungo le rive del Fiume Mago è possibile visitare il caratteristico villaggio mursi.


6

Konso/Arba Minch

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Haile Resort 4* o Paradise Lodge 4* o Emerald Resort 4*

Prima colazione a partenza per visitare Gesergio, villaggio circondato da un’aurea di leggenda. Secondo la tradizione, infatti, in tempi ancestrali ad un capo Konso furono rubati dei tamburi sacri che furono nascosti qui. Fu Dio stesso ad intervenire scavando nel terreno fino a recuperarli e dando origine a particolari formazioni rocciose che ricordano dei grattacieli e che hanno fatto meritare a questo villaggio il nome di “New York”. La popolazione Konso vive in un territorio che è la naturale estensione dell’altopiano ma con terreni aridi e scarse risorse d’acqua. Per ovviare a queste condizioni poco favorevoli i Konso, terrazzando le colline circostanti, utilizzando concime animale ed effettuando la rotazione stagionale della semina, sono divenuti esperti agricoltori e hanno reso il loro territorio fertile e produttivo. Si visita un loro villaggio tradizionale, Gamole. Si prosegue per Arba Minch. Sistemazione al lodge e pranzo. Nel pomeriggio si visita Chencha una piccola cittadina abitata dai Dorze. I Dorze, che vivono in questo piccolo territorio da circa 500 anni, parlano una lingua omotica simile a quelle della bassa valle dell’Omo e sono conosciuti soprattutto per le loro particolarissime e magnifiche case. I loro abiti di cotone sono tra i meglio intessuti di tutta l’Etiopia. Cena e pernottamento al lodge.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La città di Chencha, situata nel sud dell'Etiopia, nella zona del Semien Omo, è abitata dai Dorze popolazione presente in quel territorio da circa 500 anni.

Chencha è conosciuta per le alte case di bambù tipiche della cultura Dorze, che possono arrivare a essere alte 5 metri. In passato per tradizione venica collocato un uovo di struzzo in cima al tetto. 

La particolarità è contraddistinta da una consisetnte produzione di cotone, utilizzato per gli shamma (toghe di cotone) e i gabi (shamma più pesanti).
 


7

Arba Minch/Awassa

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Haile Resort 4* o similare

Prima colazione. Partenza per Yirgalem a arrivo nel primo pomeriggio. Pranzo. E’ previsto un breve trekking alla ricerca delle 100 e più specie di uccelli che la popolano. Sosta al piccolo villaggio di coltivatori di caffè che si trova nella foresta. Proseguimento per Awassa. Cena e pernottamento al lodge.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La foresta di Yirgalem è il luogo ideale per gli amanti del trekking, del birdwatching e per chi vuole vivere un'esperienza di viaggio a contatto con la vera realttà locale

Qui, infatti, è possibile avvisare moltissime specie di uccelli e visitare il piccolo villaggio di coltivatori di caffè che si trova nella foresta.


8

Awassa/Addis Abeba

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Azzeman Hotel 4* o similare

Prima colazione. Ad Awassa si visita il mercato del pesce che sorge sull’omonimo lago. Questo lago, il più piccolo della Rift Valley, sorge nella caldera di un antico vulcano e permette di osservare molte varietà di uccelli acquatici, alcuni dei quali endemici. Pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio, sulla strada per Addis Abeba, visita ai siti archeologici di Melka Kunture e Tiya, sito patrimonio UNESCO, dalle antiche e misteriose steli funerarie incise. Arrivo nella capitale etiope. Cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Tiya è il sito archeologico più importante tra i 160 finora scoperti nella regione Soddo, a sud di Addis Abeba.

Sono state rinvenute 32 steli scolpite o incise con simboli di difficile decifrazione che testimoniano l’esistenza di un’antica cultura etiope a oggi ancora misteriosa.


9

Addis Abeba/Bahar Dar

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Avanti Blue Resort 3* o similare

Dopo la prima colazione, trasferimento in aeroporto per il volo di linea su Bahar Dar, la più grande e importante città della regione Amhar. In mattinata escursione in barca sul lago Tana. Lungo le rive del lago e sulle sue isolette, sorgono circa 20 chiese monastiche, la maggior parte delle quali sono state fondate intorno al XIV secolo. Durante l’escursione si visiteranno i monasteri che sorgono sulla penisola di Zege, Betre Maryam e Azwa Maryam. Sono probabilmente le chiese più caratteristiche di tutta la penisola con le pareti interne decorate da una moltitudine di affreschi eseguiti tra i 100 e i 250 anni fa. Nel piccolo museo di Azwa Maryam si possono ammirare alcune antiche corone, tesori e bibbie miniate con copertina in pelle. Rientro a Bahar Dar per la seconda colazione. Nel pomeriggio si parte per la visita delle cascate del Nilo Azzurro. Lungo il percorso a piedi di 30 minuti circa che conduce alle cascate, si potranno osservare numerose specie di uccelli e la rigogliosa natura circostante, nata dal microclima che le acque possenti in caduta hanno creato. Rientro in hotel per cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il lago Tana è il lago più esteso dell'Etiopia ed è situato nella parte settentrionale del Paese. 

Ha per emissario il Nilo azzurro, che da esso prende origine verso Sud, formando le imponenti cascate del Nilo Azzurro, seconde in Africa solo alle cascate Vittoria.

In prossimità del lago sorgono numerosi monasteri, tra i quali è assolutamente degno di nota quello di Kebran Gabriel, risalente al XVII secolo e caratterizzato da 12 colonne e pregevoli dipinti.


10

Bahar Dar/Gondar

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Hotel Goha 3* o similare

Prima colazione. Partenza alla vola di Gondar. Lungo la strada sosta al mercato locale di Woreta, luogo dove si vendono e scambiano merci di ogni genere comprese le informazioni e le ultime notizie. Arrivo a Gondar in tarda mattinata e sistemazione in hotel. Pranzo. Gondar, fondata nel 1635 dall’imperatore Fasilidas, è stata per 250 anni la capitale dell’impero ed è famosa per i suoi palazzi e castelli e per la chiesa di Debre Birhan Selassie. La visita inizia con il Recinto Imperiale (Fasil Ghebbi) che sorge nel cuore della città moderna. Questo complesso ospita sei castelli e numerose altre piccole strutture. Il castello più importante è quello costruito dall’imperatore Fasilidas nel 1640 e successivamente ristrutturato dall’UNESCO; è costruito in pietra e vanta una combinazione di architetture portoghesi, axumite e indiane. Si prosegue con la chiesa di Debre Bhiran Selassiè, la più importante della città: al suo interno si può ammirare la cupola, decorata con pitture raffiguranti 80 visi di cherubini, e numerose altre pitture sacre lungo le pareti ottimamente conservate. Si raggiungono i bagni dell’imperatore che si trovano poco distanti dal centro città e sono attorniati da una cinta di mura che racchiude sei torrette e alcuni edifici che erano la seconda residenza dell’imperatore. Si procede poi per il complesso di Kuskuam costruito nel 1730. Ora il complesso è in rovina, ma vi è ancora la possibilità di intravedere alcune stanze del palazzo imperiale. Rientro in hotel per cena e pernottamento.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Gondar attualmente è parte della regione di Amhara ma nell'antichità fu capitale imperiale dell'Etiopia e della provincia storica del Begemder.

Secondo la leggenda l’imperatore Fasilide, seguendo la predizione di un eremita, fece riempire lo stagno di Angereb e costruì lì il suo castello e sette chiese. Dopo Fasilide, altri cinque imperatori continuarono a realizzare la profezia e costruirono a Gondar il loro palazzo

Gli edifici più famosi della città - il Castello di Fasilide, il Palazzo di Iyasu, il Castello di Mentewab, la cancelleria, la biblioteca e le tre chiese - sorgono tutti nella Cittadella reale, che risale al XVII secolo: l'intera area misura circa 70mila metri quadrati e, nel 1979,  è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

 


11

Gondar/Lalibela

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Harbe Hotel 3* o similare

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e volo per Lalibela, il luogo più spettacolare e mistico dell’Etiopia. Anticamente il suo nome era Roha e, secondo la leggenda, intorno al XII-XIII secolo il re Lalibela iniziò la costruzione delle straordinarie chiese monolitiche che dovevano fare della capitale una seconda Gerusalemme. Seconda colazione. Nel pomeriggio visita al primo gruppo di chiese. Cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La cittadina di Lalibela si trova al centro dell'Etiopia. 

Nell'antichità, quando era una capitali della dinastia che aveva ereditato l'impero di Axum, si  chiamava Roha.

L'UNESCO ha dichiarato Patrimonio dell'Umanità le chiese monolitiche rupestri di Lalibela, il luogo più mistico di tutta l'Etiopia.

Il periodo migliore per visitare  Lalibela coincide il Timkat, il 19 gennaio, la festività religiosa più importante per la chiesa ortodossa copta.


12

Lalibela

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Harbe Hotel 3* o similare

Prima colazione. Partenza per visitare Yimreanna Kristos, a circa 40 km da Lalibela. Il monastero, ad un’altezza di 2.700 metri, è stato edificato all’interno di una grotta. Si tratta di uno degli edifici tardo-axumiti meglio conservati di tutta l’Etiopia, con un’insolita facciata che alterna strati in pietra e legno d’ulivo. Rientro in hotel a Lalibela per il pranzo. Nel pomeriggio visita del secondo gruppo di chiese. La seconda modalità di costruzione era più simile a quella di tutte le chiese rupestri del Tigray e consisteva nello scavare una parete verticale di roccia utilizzando cavità e grotte preesistenti. Si visiteranno, tra le altre, la chiesa ipogea e cruciforme di San Giorgio, la chiesa di Beta Maryam con gli stupendi affreschi e l’imponente Beta Medhane Alem. Le chiese sono comunicanti, cunicoli e passaggi scavati nella roccia le collegano una all’altra. Cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La Chiesa di San Giorgio è una delle più famose chiese di Lalibela ed è ritenuta unanimanente la più suggestiva di tutta l'Etiopia.

Secondo la leggenda fu San Giorgio in persona a dirigere i lavori di realizzazione della Chiesa.

Le grandi croci presenti sul soffitto interno, vengono invase dalla luce che fluisce dalle finestre con un gioco di colori molto suggestico. 
 


13

Lalibela/Axum

Categoria Sistemazione Trattamento
Standard Hotel Sabean 3* o similare

Prima colazione. In mattinata trasferimento in aeroporto e partenza con volo per Axum: è una città leggendaria e prima capitale del paese. Da qui mosse la regina di Saba alla volta di Gerusalemme e qui sembra sia custodita l’Arca dell’Alleanza rubata dal figlio Menelik. Visita della città che conserva ricordi epici del suo passato: le tombe del Re Kaleb e del figlio Meskel, poste su un promontorio che domina la piana della catena montagnosa di Adua; il Parco delle Steli con i suoi monoliti grezzi o scolpiti, eretti o crollati; la tomba del Re Remhai; le rovine del Palazzo della Regina di Saba; la Chiesa Di Mariam di Zion, nella cui vicina cappella è custodita, secondo la credenza dei fedeli, l'arca dell'alleanza trafugata a Gerusalemme. Seconda colazione. Cena e pernottamento in hotel.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La stele di Axum è un obelisco alto circa 23 metri e pesante 150 tonnellate, costruito in pietra basaltica a sezione rettangolare e conservato ad Axum, in Etiopia. 

La stele fu realizzata tra il I e il IV secolo dagli abitanti del Regno di Axum.  La civiltà axumita, che prosperò tra il IV secolo a.C. e il VII secolo d.C., fu una delle più potenti dell’antichità grazie al controllo delle rotte commericali tra Africa, Arabia e mondo greco-romano. 

Obelischi, segnacoli tombali e steli monolitiche conservati all’interno del Parco delle Steli rappresentano i resti più suggestivi di quest’antica civiltà poco conosicuta. 


14

Axum/Addis Abeba

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e volo di linea per Addis Abeba. Pranzo in ristorante locale. Pomeriggio dedicato alla visita della capitale. Si inizia con il Museo Nazionale, interessante per i reperti sabei ma soprattutto per Lucy, il piccolo scheletro ritrovato negli anni '70 nella valle dell'Awash e appartenente ad un ominide vissuto tre milioni e mezzo circa di anni fa. Si prosegue con il Museo Etnografico, situato nell'edificio della casa imperiale di Hailé Selassié; infine, dopo una sosta alla chiesa di San Giorgio, si sale al Monte Entoto, per godere dello spettacolo della città vista dall’alto. Cena in ristorante locale con spettacolo di musica e danze tradizionali e trasferimento in aeroporto.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Museo Nazionale di Addis Abeba - anche conosciuto come Museo nazionale dell'Etiopia - è ospitato presso la Facoltà di Tecnologia dell'università della città.

Nel museo è possibile ammirare opere d'arte e reperti archeologici: tra le sue sale sono conservate testimonianze del regno axumita e testimonianze preistoriche dell’evoluzione dell’uomo, come lo scheletro della famosa Lucy, vissuta ben tre milioni di anni fa e ritrovata  nel 1974 nella valle dell’ Awash e i resti di Selam, un bambino australopithecus scoperto nei primi anni 2000.

 


15

Italia

Arrivo in prima mattinata.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Partenza con volo di linea.


Aggiungi un po' di relax con un soggiorno mare