DOVE
Dove vorresti andare
QUANDO
Quando vorresti partire
DURATA
Quanto vorresti star via
BUDGET
Qual'è il tuo budget
TEMA
Cosa cerchi nel tuo viaggio
STILE DI VIAGGIO
Scegli il tuo stile
Condividi:

Cina Classica 2020

Durata 15 giorni, 12 notti
QUOTE A PARTIRE DA: 3002
  • Mistral Tour

Esclusiva Mistral Tour

Descrizione del tour

IL VIAGGIO IN BREVE

PECHINO XI'AN GUILIN HANGZHOU SUHZOU SHANGHAI HONGKONG
Un viaggio classico e completo, confortevole e affascinante. Vi sono incluse tutte le mete di principale interesse, dalla straordinaria capitale di Pechino, alle fantasiose colline di Guilin, fino ai poetici giardini di Suzhou. Gran finale a Hong Kong. La miglior scelta per chi visita la Cina per la prima volta.

Partenze garantite di gruppo - ESCLUSIVE MISTRAL - due volte ogni settimana, ogni Sabato e Lunedì, dal 1 marzo 2019 al 28 febbraio 2020.

Hotels di prima categoria superiore (gli hotels sono quasi sempre ubicati in pieno centro).

Possibilità di estendere il soggiorno a Hong Kong a fine viaggio.

Assistenza: accompagnatore cinese in lingua ITALIANA al seguito per tutto il soggiorno in Cina (a Hong Kong, l'assistenza sarà garantita da una guida locale in lingua italiana).

Pasti: pensione completa tranne 2 pranzi e 4 cene

PERCHE' SCEGLIERE QUESTO VIAGGIO

104 partenze all'anno SEMPRE garantite, con accompagnatori cinesi in lingua italiana scelti fra lo staff esclusivo Mistral Tour.

Itinerario e scelta dei servizi sono il frutto di quasi 40 anni di esperienza e di viaggi in Cina.

Ufficio Mistral a Pechino con personale in lingua italiana con assistenza 24 ore su 24.

Prenotazione senza rischi: per la cancellazione del viaggio per QUALSIASI causa, anche all'ULTIMO momento, Mistral rimborserà l'INTERA quota di partecipazione, ad eccezione di un contributo spese forfettario (vedi pagina introduttiva)

Adeguamento valutario bloccato al momento della conferma del viaggio! (vedi dettagli nella pagina introduttiva).

Luoghi visitati

Pechino, Xi'an, Guilin, Shanghai, Hangzhou, Suzhou, Hong Kong

Paesi visitati



Itinerario Giornaliero

1

Italia/Pechino

Partenza per Pechino con vettore di linea IATA. Volo notturno. Pasti e films a bordo.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

L'Aeroporto di Pechino è il principale scalo aeroportuale della capitale della Repubblica Popolare Cinese e si trova a circa trenta chilometri a nord-est del centro di Pechino.

Venne inaugurato il 2 marzo del 1958 e oggi è l'aeroporto più grande della Cina, il più attivo del Continentet e il secondo più frequentato al mondo per volume dei passeggeri.


2

Pechino

Arrivo a Pechino. Trasferimento in hotel. Camere a disposizione dalle ore 14:00. Tempo a disposizione per il riposo ed una prima passeggiata in piazza Tienanmen. Pranzo libero. Cena in ristorante. Poche città al mondo possono vantare una storia tanto ricca e affascinante quanto Pechino. Disegnata a tavolino 600 anni fa secondo i dettami della geomanzia cinese, la città fu abbellita oltre ogni immaginazione di palazzi, templi, monasteri, giardini dal fascino fiabesco. Ancora all’inizio di questo secolo, Pechino si presentava suddivisa in tre città concentriche, separate fra loro da alte mura: nel centro, la Città Proibita, impenetrabile e misteriosa dimora del ‘Figlio del Cielo’; attorno, la città tartara, dove risiedeva la nobiltà imperiale; all’esterno, la città cinese, dove vivevano i cittadini e dove sorgeva il Tempio del Cielo, sede ufficiale del culto imperiale. Dopo l’avvento della Repubblica Popolare, Pechino subì un forte sconvolgimento urbanistico che, senza toccare alcuno dei monumenti, ha comunque modificato profondamente l’aspetto della città, rendendola una capitale moderna ed elegante. Ma il cuore di Pechino, la straordinaria Città Proibita, resiste impermeabile al tempo a testimoniare la gloria e i fasti del ‘Figlio del Cielo’.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Pechino venne progettata a tavolino seicento anni fa sulla base della geomanzia cinese e venne arricchita con palazzi, templi, monasteri e giardini dal fascino surreale.

Fino all'inizio di questo secolo, Pechino si presentava suddivisa in tre città concentriche, separate fra loro da alte mura: la Città Proibita, dimora del 'Figlio del Cielo', rappresentava il centro misterioro e impenetrabile intorno a cui sorgeca la città tartara, dove risiedeva la nobiltà imperiale; la parte più esterna era formata dalla città cinese, dove vivevano i cittadini e dove sorgeva il Tempio del Cielo, sede ufficiale del culto imperiale.

Con l'avvento della Repubblica Popolare, l'aspetto della città è stato sensibilmente modificato, trasformando Pechino in una capitale moderna ed elegante (pur senza senza toccare nessuno dei monumenti storici). Nonostante questa rivoluzione urbanisitca, la straordinaria Città Proibita resiste impermeabile al tempo, testimone di una cultua millenaria. 


3

Pechino

Intera giornata di visite: la Città Proibita ed il Palazzo imperiale d'Estate. Pranzo in ristorante. In serata, banchetto speciale in ristorante con menu a base di anatra laccata. Piccolo consiglio da intenditore: se volete farvi un’idea di come si svolgesse vita nella Città Proibita al tempo dell’Imperatore, guardatevi il dettagliatissimo film di Zhang Yi Mou ‘La città proibita’, oppure potete leggere il bellissimo libro di Reginald Johnston ‘Crepuscolo nella città proibita’, che racconta la vita dell’ultimo imperatore, che fu prigioniero in questo palazzo favoloso ed enigmatico fra il 1911 ed il 1925.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La Città proibita, situata al centro di Pechino, fu il palazzo imperiale delle dinastie Ming e Qing

Si estende per 720mila metri quadrati e presenta 800 edifici, divisi in 8.886 stanze. Nel 1987 è stata dichiarata Patrimonio mondiale dell'umanità dall'UNESCO, grazie alla più grande collezione di antiche strutture in legno conservate fino a oggi.

La Città proibita è interamente circondata da giardini: sul lato nord si trova il Giardino imperiale che ospita moltissime piante secolari e numerose specie rare.


4

Pechino

Intera giornata dedicata all’escursione alla Grande Muraglia, e, sulla via del ritorno, alla Via sacra, la straordinaria via d’accesso monumentale alle Tombe imperiali della Dinastia Ming. Pranzo in corso di escursione. Cena libera. La più colossale impresa architettonica della storia, realizzata più di duemila anni fa in tempi incredibilmente brevi: a leggere le cifre, c’è da rimanere stupefatti: lunga circa 6.500 km, alta mediamente 16 metri, larga fra i 5 e gli 8 metri, la Grande Muraglia Cinese si stende a difesa del continente cinese dalle rive del Mar Giallo, sopra Pechino, fino alle steppe interne della Provincia del Gansu. Si calcola che siano stati utilizzati 300 milioni di metri cubi di materiale....

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La Grande Muraglia, chiamata in Cina Wanli changcheng, è una lunghissima serie di mura la cui costruzione iniziò nel III secolo a.C., per volere dell'imperatore Qin Shi Huangdi con l'obiettivo (non sempre riuscito) di contenere le incursioni dei popoli confinanti.

Tradizionalmente considerata lunga 6350 chilometri, da misurazioni ottenute con le più recenti strumentazioni tecnologiche, la Grande Muraglia risulterebbe in realtà estendersi per ben 8.851,8 chilometri (con una larghezza che non arriva a 10 metri).

Nel 1987 venne dichiarata Patrimonio mondiale dell'umanità dall'UNESCO.


5

Pechino/Xi'an

In mattinata, ultime visite: il tempio del Cielo. Nel pomeriggio, partenza in aereo/treno per Xi'an. Sistemazione in albergo. Pranzo in ristorante. Cena internazionale in albergo. Xi’an è la città della storia: capitale dell’Impero per più di mille anni (fino al X sec.; allora si chiamava Chang’An, ‘‘pace protetta’’), fu il centro propulsore dell’arte e della cultura cinesi durante il periodo d’oro delle dinastie Song e Tang; era da qui che partiva il lungo cammino della via della seta. Xi’an conserva le spoglie mortali del primo imperatore della Cina unificata, il grande Qin Shi Huang Ti (III sec. a.C.), che fece costruire davanti al suo tumulo un intero esercito di soldati terracotta in assetto di guerra: seimila guerrieri a piedi e a cavallo a grandezza naturale, scolpiti ognuno con la propria fisionomia individuale. Fra le molte vestigia della gloria passata, merita una nota lo straordinario museo, che raccoglie una collezione impareggiabile di oggetti d’arte risalenti alle dinastie Han, Tang e Song. In tempi più recenti, durante la dinastia Ming, Xi’an fu dotata di una splendida cinta muraria, che ne fa ancora oggi una delle città più suggestive dell’Oriente.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Tempio del Cielo fa parte del complesso di edifici taoisti chiamato Tempio del Paradiso, situato nella parte meridionale di Pechino, nel distretto di Xuanwu dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 1998. 

Il complesso di edifici si estende su di un'area di 2,73 chilometri quadrati e comprende tre gruppi principali di costruzioni, realizzati secondo precisi dettami filosofici: la montagna terrestre, la casa del signore divino e la sala della preghiera per un buon raccolto

La sua costruzione ebbe inizio nel 1420 e, successivamente, il Tempio venne visitato da tutti gli imperatori delle dinastie Ming e Qing. 

 


6

Xi'an

Intera giornata dedicata alle visite: l'esercito di terracotta a Lingtong, la cinta muraria della dinastia Ming, la Grande Moschea ed il quartiere musulmano. Pranzo in ristorante. Cena in hotel con buffet internazionale. Qin Shihuang Di (259- 210 a.C.) fu il primo imperatore ad unificare la Cina, rendendola un territorio unito per lingua, politica, cultura e tradizione. Fu lui l’artefice della Grande Muraglia, ideata come stratagemma di isolamento dalle invasioni dei Mongoli delle steppe. Alla sua faraonica tomba, non ancora riportata alla luce, lavorarono circa 700.000 uomini per più di 40 anni... A guardia di questo immenso tesoro fu messo un intero esercito di 8.000 guerrieri... di terracotta. Di questo esercito (scoperto solo nel 1974) sono stati riportati alla luce finora solo 500 guerrieri, 18 carri e 100 cavalli. Il lavoro degli archeologi prosegue instancabile e ogni anno è possibile apprezzare le nuove, entusiasmanti scoperte.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

L'esercito di terracotta Shaanxi è composto da 6.000 a 8.000 guerrieri di terracotta, vestiti con corazze in pietra e dotati di armi.

Questo sito archeologico si trova vicino a Xi'an, nella provincia Shaanxi. Secondo la testimonianza dello storico cinese Sima Qian, tale costruzione fu un vero e proprio affare di stato, alla cui lavorazione parteciparono oltre 700.000 prigionieri per 10 anni di lavoro.

Le statue erano di guardia alla tomba del primo imperatore cinese Qin Shi Huang, e sono state riportate alla luce solo 500 guerrieri, 18 carri in legno e 100 cavalli in terracotta. 

 


7

Xi'an/Guilin

In mattinata, ultime visite: il Piccolo esercito di terracotta (Han Yang Ling Museum). Nel pomeriggio, partenza in aereo per Guilin. Sistemazione in albergo. Pranzo in ristorante. Cena in hotel con buffet internazionale. Guilin è la città delle ‘schegge di giada’, le colline che, a causa della secolare erosione dei venti, hanno assunto le forme più irreali e fantastiche, creando uno spettacolo naturale unico al mondo: qui è racchiuso il segreto della pittura cinese, che ha preso spunto da questi scenari di fiaba per realizzare opere di suggestione impareggiabile. La navigazione sul fiume Li è una delle esperienze più indimenticabili per un viaggiatore armato di macchina fotografica e, perché no?, di carta di riso, pennello e inchiostro di china.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

L'Han Yang Ling Museum è stuato vicino il fiume Wei, a Xi'An.

Venne costruito per proteggere, studiare ed esporre i relitti dissotterrati dal mausoleo dell'Imperatore Liu Qi e della sua consorte, la regina Wang Shi.

Ciò che rende unico questo museo è la sua esibizione sotterranea, dove i visitatori possono vedere gli archeologi al lavoro.


8

Guilin

Al mattino, escursione in motobarca sul fiume delle 'schegge di giada'. A fine crociera, sosta nella cittadina di Yangshuo e possibilità di curiosare tra le bancarelle variopinte. Rientro in pullman a Guilin. Pranzo a bordo. Cena cinese in albergo. La regione di Guilin (il Guangxi) è la patria degli zhuang, la più grande minoranza etnica cinese. La loro popolazione è stimata intorno ai 18 milioni, parlano diversi idiomi e dialetti conosciuti come lingue zhuang. La maggior parte dei membri dell'etnia sono animisti ed osservano ancora il culto degli antenati. Potrete incontrarli e osservare le loro tradizioni e i loro costumi tipici nel villaggio di Yangshuo, alla fine della crociera sul fiume Li.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Yangshuo è una piccola cittadina situata nella contea di Guilin, nella provincia di Guangxi.

Delimitata su un lato dal fiume Li - considerato uno dei fiumi più belli nel mondo - è famosa per il suggestivo paesaggio creato dai monti carsici che la circondano. 

Da vedere: la Collina della Luna e l'Arco della Luna (una enorme roccia con un foro rotondo al centro che richiama la forma lunare).


9

Guilin/Shanghai

Seconda giornata dedicata alle visite: passeggiata lungo le rive del fiume e visita della collina di Fubo e della grotta del flauto di bamboo. Nel tardo pomeriggio, partenza in aereo per Shanghai. Sistemazione in albergo. Pranzo in ristorante. Cena libera. Shanghai è la città più moderna, elegante e raffinata della Cina: nel 1840 non era che un piccolo borgo di pescatori quando, a seguito della Guerra dell’Oppio, fu data in concessione agli Europei ed agli Americani. Da allora Shanghai crebbe in modo tumultuoso: banche, grandi magazzini, alberghi, parchi, grandi arterie commerciali, chiese e palazzi ne fecero una città straordinariamente elegante; gli Occidentali portarono con sé le loro abitudini e il loro stile di vita, fino ad allora totalmente sconosciuti ai Cinesi; in breve la città si guadagnò l’appellativo di ‘Parigi d’Oriente’ e non c’era lusso o piacere, per quanto proibito, che non fosse possibile trovarvi. Anche oggi, a cinquant’anni dalla rivoluzione, nelle vie del centro e sul Bund (il celebre lungofiume) a Shanghai sopravvive intatta quell’atmosfera struggente da ‘belle époque’ di inizio secolo; nello stesso tempo, strade sopraelevate, ponti avveniristici e grattacieli di vetro proiettano la città con sicurezza verso il futuro.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

La collina di Fubo (Collina che Domina le Onde) è situata sulle sponde del fiume Li, nella pittoresca città di Guilin, nella Cina meridionale.

Offre una vista panoramica sulla città, sul Parco delle Sette Stelle e sul fiume animato da un viavai di imbarcazioni.

 


10

Shanghai

Intera giornata di visite: Il Tempio del Buddha di Giada, il giardino di Yu, la città vecchia, la via Nanchino, il Bund. Tempo a disposizione per lo shopping nei negozi del centro. Pranzo in ristorante. Cena in ristorante tipico. Piccolo consiglio dell’esperto: quando cala la sera, fatevi un giro nel quartiere di Xintiandi, il cuore pulsante della nuova Shanghai, ricavato da un angolo della concessione francese opportunamente restaurato: accanto all’edificio in cui nacque il partito comunista cinese (nel 1921) e alle ville in cui abitarono Sun Yat Sen ed altri protagonisti della vita politica cinese di inizio secolo scorso, sorgono adesso atéliers di artisti, ristoranti, locali di tendenza, negozi d’arte: qui si raduna la gente elegante (locale e straniera) di Shanghai, in un fervore di luci, musica, aromi e sapori. Luogo ideale per cenare o bersi una buona birra, nell’atmosfera sognante della Grande Mela d’Oriente.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Tempio del Buddha di Giada, edificato nel 1882, è uno dei templi buddisti più importanti della Cina.

Il complesso è costituito da varie strutture, tra cui la Gande Sala, il Padiglione del Re Celeste, la Sala del Buddha disteso e il Palazzo del Buddha di Giada. In quest’ultimo ambiente è conservata la statua del Buddha seduto, scolpita da un blocco di giada bianca, alta circa 2 metri dal peso di oltre una tonnellata.


11

Shanghai / Hangzhou

In mattinata, ultime visite. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, partenza in treno ad alta velocità per Hangzhou. Trasferimento e cena internazionale in albergo. In serata tempo a disposizione per passeggiate lungo il lago e la spettacolare penisola della ‘bellezza solitaria’. Hangzhou, adagiata attorno allo splendido lago dell’Ovest, è la città più romantica della Cina: qui il viaggiatore, giungendo dalle varie parti del Paese, ha l’occasione di interrompere il ritmo frenetico del viaggio e di fermarsi a respirare l’atmosfera incantevole del lago, delle sue fantastiche isolette, dei parchi, dei padiglioni e delle pagode immerse nel verde; poi, sorseggiata una tazza di thè (il migliore della Cina), può girare per negozi alla ricerca della seta, che ad Hangzhou è particolarmente pregiata.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Parco Huagang, situato sulla penisola tra il lago Inner e il piccolo lago a Sud, è una delle principali attrazioni a Hangzhou.

Con la ricostruzione nel 1949, il giardino venne ampliato: oggi è elegantemente decorato e composto da sette sezioni, in cui spiccano la vecchia parte della vasca per pesci, la vasca per pesci dorata e il giardino delle peonie

Diversi pittori Imperiali scelsero questo parco per dipingere i loro paesaggi, ispirati dalla varietà dei suoi pesci e dei suoi fiori.


 


12

Hangzhou / Suzhou

In mattinata, visita del quartiere antico e dell’antica farmacia, del parco Huagang; breve crociera sul lago dell’Ovest. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, partenza in treno ad alta velocità per Suzhou. Visita della Pagoda della Tigre con il giardino dei bonsai. Cena internazionale in albergo.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

I villaggi di Tong Li e Lu Zhi sono un piccolo miracolo che riporta il viaggiatore come d’incanto nel Medioevo, all’epoca delle Dinastia Ming: qui il tempo si è fermato dentro le piccole, splendide case che si affacciano sui canali o dentro le residenze dei ricchi signori, dove tutto è rimasto intatto.

Negozietti, ristoranti tradizionali, ponti inarcati e chiatte che percorrono i canali in un silenzio incantato: una rara occasione per assaporare ancora il gusto della Cina vera, quella delle campagne e delle antiche tradizioni confuciane.


13

Suzhou / Hong Kong

In mattinata, visita del giardino del Maestro delle reti, del parco Panmen e di un tratto dell'antica cinta muraria. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, trasferimento in aeroporto a Shanghai e volo per Hong Kong. Trasferimento in navetta in hotel. * In aeroporto di Hong Kong, seguire le indicazioni per Customs Hall B e recarsi allo sportello VIGOR Bus (B-18) - (Vi preghiamo di verificare nella piantina allegata ai documenti di viaggio) Suzhou è una città di grande fascino, dove le vecchie case, che si affacciano sui canali solcati da pittoreschi ponticelli di pietra, creano scorci e prospettive incantevoli. Ma l’attrazione principale risiede nelle fantastiche ‘ville-giardino’: in questa città dal clima mite i Mandarini (funzionari dell’Impero) delle dinastie Ming e Qing edificarono sontuose residenze immerse nella natura per passarvi i periodi di riposo; piccoli laghi, isolette, padiglioni dai tetti prodigiosamente modellati, ponticelli, rocce dalle forme fantasiose: in queste ville l’esperienza artistica cinese, che ha come suo fine la perfetta armonia fra l’uomo e la natura, raggiunge la perfezione.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Il Giardino delle Reti è situato tra le stradine della vecchia Suzhou.

Questo giardino è costituito da tre diverse parti: l'area del giardino esterno, la più grande, dove numerosi elementi architettonici danno l'impressione di trovarsi in un giardino molto più grande, l'area residenziale, caratterizzata da numerosi mobili di enorme valore e l'area del giardino interno che è un vero e proprio capolavoro paesaggistico.


DAL
14
AL
15

Hong Kong / FINE VIAGGIO

Prima colazione. In mattinata, visita dell'isola di Hong Kong: la baia di Repulse, il porto di Aberdeen, il Peak Victoria. Pranzo libero. Pomeriggio a disposizione per shopping, relax e visite individuali. In serata, trasferimento in aeroporto per il volo di rientro in Italia o verso la destinazione successiva (in caso di estensioni che prevedano il volo il giorno successivo, il trasferimento verrà effettuato il giorno dopo in conformità con l'orario del volo). Volo notturno. Arrivo previsto il mattino successivo. Sotto una skyline da fare invidia a Manhattan, brulicano animatissimi mercatini cinesi che vendono serpenti e tartarughe ad uso medicinale; questa è solo una delle tante affascinanti contraddizioni del piccolo arcipelago concesso in affitto agli Inglesi nel secolo scorso, che da allora ha goduto di una invidiabile libertà politica, culturale ed economica, diventando un gigante finanziario ed un modello di autogoverno.

MAPPA PUNTI DI INTERESSE

Victoria Peak è una montagna situata ad Hong Kong, è anche conosciuta come Mount Austin o in modo informale come The Peak. La montagna è situata nella parte ovest dell'isola di Hong Kong. Con una altitudine di 552 m, è ritenuta la montagna più alta dell'isola, ma non nella totalità di Hong Kong, in quanto questo onore che appartiene a Tai Mo Shan. Il vertice effettivo del Victoria Peak è occupato da un impianto di telecomunicazione radio ed è chiuso al pubblico. Tuttavia, l'area circostante di parchi pubblici e di terreni ad alto valore residenziale è l'area che viene normalmente intesa dal nome The Peak. Si tratta di una grande attrazione turistica che offre una vista magnifica sul centro di Hong Kong, Victoria Harbour, e le isole circostanti.


Aggiungi un po' di relax con un soggiorno mare

Il Quality Group